Rita Pavone torna alla carica: stavolta si scaglia contro Greta Thunberg

La cantante italiana aveva scatenato la polemica lo scorso giugno con dei tweet al vetriolo rivolti ai Pearl Jam. Rita Pavone, stavolta, si è scagliata contro la piccola attivista di cui sta parlando tutto il mondo, Greta Thunberg. Le sue parole non sono passate inosservate, molti utenti hanno mostrato indignazione ma c’è anche chi è d’accordo con lei. 

Il tweet di Rita Pavone

Mentre l’opinione pubblica internazionale esalta il coraggio e la forza della giovane attivista Greta Thunberg, Rita Pavone ha acceso una sterile polemica su Twitter. "Quella 'bimba' con le treccine che lotta per il cambio climatico, non so perché ma mi mette a disagio. Sembra un personaggio da film horror...", queste le parole della cantante. Nonostante il post si concentri esclusivamente sull’aspetto fisico della ragazzina, in molti hanno appoggiato le parole della Pavone. 

Il tweet di Rita Pavone contro Greta Thunberg. Fonte: Rita Pavone/Twitter

Tra i suoi sostenitori anche Alberto Bagnai, senatore della lega, professore di politica economica e Presidente della sesta Commissione permanente Finanze del Senato, che ha commentato con un lapidario: "Lo è". Dall’altro lato, molti i commenti a difesa di Greta Thunberg. Alcuni accusano la cantante di fare bullismo su una ragazzina di 16 anni, altri sottolineano quanto sia triste una donna che ne insulta un’altra, altri ancora ricordano il vero tema centrale della protesta pacifica della 16enne: il cambiamento climatico che incide sulle vite di tutti.

Greta Thunberg in uno dei suoi scioperi davanti al Parlamento svedese. Immagine: Greta Thunberg/Facebook

Non c’è tempo da perdere

Le parole si sprecano, ma, nel frattempo, la battaglia di Greta e di milioni di persone va avanti. Dopo la nomina a Donna dell’anno in Svezia, la piccola attivista è in lizza per il Premio Nobel per la Pace. La proposta è stata inviata al Comitato del Nobel da tre parlamentari norvegesi. Greta Thunberg, onorata e grata per la nomination, ha ringraziato sui social network.

Il ringraziamento di Greta Thunberg per la nomination al premio Nobel. Fonte: Greta Thunberg/Twitter

Intanto, però, pensa al grande sciopero mondiale che si terrà domani, 15 marzo, al quale hanno aderito più di 1750 località in 112 Paesi. Con il cartello che recita "sciopero scolastico per il clima", suo fedele compagno in questi mesi, Greta manifesterà insieme a compagni e a concittadini. Sui social network ha invitato tutto il resto del mondo ad unirsi alla protesta; da qualche giorno sono sempre più frequenti anche gli hashtag #FridaysForFuture #ClimateStrike #SchoolStrike4climate.
In Italia, in oltre 40 città, studenti, associazioni, cittadini, si riuniranno nelle piazze per chiedere interventi concreti ai governi contro il riscaldamento globale e per proteggere il proprio futuro, il futuro di tutti