fizzi rita dalla chiesa

Rita Dalla Chiesa parla a muso duro e senza mezzi termini risponde a tutti quelli che, dopo la morte di Fabrizio Frizzi, si sono espressi al grido di “Santo Subito“. L’ex moglie del compianto conduttore ha espresso il suo parere nel corso di un’intervista rilasciata al settimanale Solo.

Intanto, per arginare il fenomeno del sensazionalismo legato alle notizie che riguardano Frizzi, Rita rivolge un appello ai colleghi giornalisti. La sua voce, ancora una volta, risuona via Instagram.

La beatificazione è una cosa seria

Fabrizio Frizzi ha lasciato un segno nel cuore degli italiani: era una persona buona, onesta, ma soprattutto socialmente impegnata.

Per questi ed altri pregi si è distinto nel panorama dello spettacolo e dell’intrattenimento italiano. Tuttavia, questo – fa notare Rita Dalla Chiesa – non basta per innescare un processo di santificazione.

rita-dalla-chiesa
Rita Dalla Chiesa

La santificazione è una cosa seria” ha detto l’ex moglie di Frizzi esprimendosi sulla proposta. “Non lo vorrebbe nemmeno Fabrizio, anche se era un uomo migliore di tanti altri“. La sua opinione corre a supporto della tesi di Padre Romano Gambalunga, che pure ha affrontato l’argomento.

Per poter parlare di fama di santità, a meno di casi eccezionali, devono passare almeno cinque anni dalla morte” dichiaro il religioso qualche tempo fa. “Al momento c’è quello che sappiamo tutti: la fama televisiva, la gentilezza, la generosità, la donazione del midollo. Ma non possiamo confondere l’impressione, l’emozione e la commozione per la sua morte con la santità, né lasciarci condizionare dall’entusiasmo. Desidero sia ben chiaro che al momento è impossibile parlare di santità per Frizzi”.

L’appello di Rita

Inoltre la stessa Dalla Chiesa, nonostante l’affetto che nutrisse per l’ex marito, ha lanciato un appello, per quanto riguarda le sue dichiarazioni su Frizzi.

Rita, attraverso il suo account Instagram si rivolge così ai colleghi giornalisti.

Per favore. ❤️

Un post condiviso da Rita Dalla Chiesa (@rita_dalla_chiesa_official) in data:

Ai miei colleghi della carta stampata e dei vari siti web chiedo di evitare copertine e articoli con mie interviste e dichiarazioni mai rilasciate o travisate” si legge nel post. Il copia incolla non funziona più’.Brutti i titoli a effetto. Rispetto per voi,ma il rispetto è’ per tutti”.