cesare battisti

L’ex terrorista Cesare Battisti, giunto in Italia dopo ben 38 anni di latitanza, avrebbe confessato durante un interrogatorio tenutosi sabato a Milano, di fronte al pm di aver commesso 4 omicidi precedentemente a lui imputati.

Cesare Battisti e l’interrogatorio del pm

L’ex terrorista aveva così voluto esprimersi ai propri avvocati, giunto in Italia dopo 38 anni di latitanza: “Ci ha spiegato di essersi sentito umiliato e di non riconoscersi nella descrizione fatta della sua persona, perché ci ha detto testualmente di non essere più quella persona che era 40 anni fa, che non ci si può accanire così e non si può scontare una condanna due volte“. La latitanza di Battisti aveva avuto fine nel gennaio scorso, quando era giunta dall’ambasciatore italiano in Brasile la notizia dell’arresto di Battisti a Santa Cruz de la Sierra, precisamente in Bolivia.

primo piano di cesare battisti
Cesare Battisti, arrestato dopo 38 anni di latitanza

La confessione di 4 omicidi

Filtrano al momento pochissime notizie circa l’interrogatorio che ha avuto luogo tra Cesare Battisti e il pm Alberto Nobili a Milano ma secondo quanto sta emergendo in questi istanti e come riportano le agenzie stampa, Cesare Battisti avrebbe confessato di aver commesso 4 omicidi, quelli che gli sono stati imputati.

Ti potrebbero interessare tutti gli articoli su Cesare Battisti

primo piano di cesare battisti
Cesare Battisti ha confessato di aver commesso i 4 omicidi per i quali si è sempre professato innocente

Gli omicidi che aveva sempre negato

Tra le accuse che pendono su Battisti c’erano proprio quei 4 omicidi che avrebbe confessato sabato di fronte al pm. Ma questi non sono gli unici reati che gravano sulla testa dell’uomo che ha latitato per oltre 30 anni, sfuggendo alla giustizia italiana. Oltre agli omicidi infatti, nei suoi fascicoli si trovano anche reati come banda armata ma anche rapina e detenzione di armi. Proprio per quanto riguarda gli omicidi di cui sopra, Battisti si è sempre professato innocente, negando di aver sparato.

Le parole di Battisti e di Salvini

AGGIORNAMENTO DELLE ORE 19.55 – Sembra che Battisti abbia chiesto scuse alle famiglie delle vittime: “Mi rendo conto del male che ho fatto e chiedo scusa ai familiari“.

Naturalmente il ministro dell’Interno Matteo Salvini è intervenuto in giornata e ha detto che Battisti “a distanza di qualche decennio ha chiesto scusa. Mi aspetto chiedano scusa quegli pseudointellettuali di sinistra che hanno coperto e difeso questo squallido personaggio“. Poi ha aggiunto: “Chiedere scusa è meglio tardi che mai“.