John Sato


La manifestazione antirazzista tenutasi domenica scorsa a Auckland’s Aotea Square ha avuto un partecipante speciale: il 95enne John Sato, che né gli acciacchi dell’età, né la distanza dalla sua casa ad Howick sono riusciti a scoraggiare.

John Sato e la sua impresa

La notizia del massacro a Christchurch lo ha toccato nel profondo, tanto da non riuscire a dormire per diverse notti. Da qui la decisione di alzarsi e mettersi in viaggio cambiando 4 bus per unirsi alla manifestazione e offrire solidarietà alla comunità musulmana.

La foto che lo ritrae mentre avanza sull’asfalto sorretto da un poliziotto e dall’attore Bruce Hopkins (noto per il suo ruolo di Gamling nel Signore degli Anelli) ha commosso il mondo.

il 92enne durante la manifestazione
Una foto apparsa su Twitter che racconta la manifestazione

La vita di John Sato prima di "diventare famoso"

Ormai vedovo da 15 anni e dopo aver perso l’unica figlia l’anno scorso, John è solito trascorrere le giornate in lunghe passeggiate o ascoltando musica classica. Ma la sua vita non è sempre stata così tranquilla.

Figlio di madre scozzese e padre giapponese, John ama definirsi di razza euroasiatica ed ha un trascorso da veterano della Seconda guerra mondiale. È stato uno dei due “Kiwi-Japanese”, ovvero soldati di origine giapponese a servire l’esercito neozelandese contro il Giappone durante l’ultimo conflitto mondiale. “La guerra ha spezzato vite innocenti. La vita è troppo breve per esser sprecata in cose prive di significato, come l’odio”. Continua John Sato.

Intervistato dal New
Zeland Herald, afferma di esser stato membro di un’organizzazione umanitaria e di
aver visto tanto razzismo e tanto odio nel corso della sua vita, spesso
nascosti “sotto copertura”.

Ripensando al poliziotto che l’ha sorretto durante la manifestazione e che lo ha riaccompagnato a casa in macchina aspettando che salisse gli scalini e varcasse la soglia, sottolinea come la recente tragedia abbia mostrato anche “il meglio dell’umanità”, in particolare “Ha unito le persone, senza differenze di razza o altro. La gente ha improvvisamente compreso che siamo un unico popolo. Dobbiamo prenderci cura l’un l’altro”. Ha dichiarato a Radio New Zeland.

 John Sato in strada in un video di TvNZ
Fonte: TvNZ