Asia Argento piange a Live: Non è la D'Urso

Asia Argento, super ospite a Live: Non è la D’Urso, risponde a tutte quelle domande che ruotano intorno alle vicende Weinstein-Bennet. Una figura controversa, la cui vita è stata segnata da alti e bassi e relazioni con figure maschili ambigue. L’attrice, che si è mostrata al pubblico senza maschere, non ha retto il confronto e, già provata dopo aver parlato del caso Bennet, è scoppiata piangere ricordando lo scomparso Anthony Bourdain.

Asia Argento e la diatriba con Morgan

Il rapporto con Morgan è stato fatto di alti e bassi, un amore durato dal 2001 al 2007 e dal quale è nata la loro unica figlia, Anna-Lou.

Lui è stato l’amore più grande della mia vita, ed è stato anche un amore sofferto” racconta Asia, chiarendo la polemica legata al pignoramento della casa del cantante a seguito del mancato pagamento degli alimenti.

“Io penso che i figli si fanno in due. Un giudice aveva deciso che in base a quanto guadagnava doveva mantenere nostra. Lui non ha voluto non ha potuto pagare. – chiarisce l’attrice – Sono dieci anni che non lo fa e l’atto del pignoramento è partito in automatico, è una questione penale. Non so neanche come funzionino queste cose”.

La storia con Fabrizio Corona e le lacrime per Anthony Bourdain

L’attrice ha ripercorso anche i momenti vissuti insieme all’ex re dei paparazzi Fabrizio Corona.

L’ho conosciuto poco” esordisce, “Non ritengo sia una persona cattiva, non mi ha mai fatto del male”. La loro storia, se così si può definire, durata una manciata di giorni e scoppiata come una bolla di sapone, ha lasciato segni diversi su i due interessati.

Se Fabrizio Corona, durante la sua intervista a Live, ha dichiarato di sentire la mancanza dell’attrice nella sua vita, Asia ha spiegato che: “in quel breve lasso di tempo ha ingigantito delle cose nella sua fantasia”, ha detto riferendosi a Corona negando tassativamente le circostante del loro primo incontro.

Non è vero che ho fatto sesso con lui sul tavolo della cucina, non è così anche perché ho il coccige rotto, non le potrei fare queste cose. Io non sono così, mi dispiace per quello che ora sta passando, mi dispiace molto per suo figlio”. Attaccata dai presenti in sala, tra i quali Alessandro Cecchi Paone, su questo flirt, l’attrice non ha più retto e scoppiando in lacrime ha commentato così: “Io non mi sono messa fare calcoli, sono una persona molto sola, a me han fatto bene quei due o tre giorni.

Non è stata una storia e non penso neanche di essere in grado di portare avanti una storia dopo aver perso il mio compagno”.

Asia Argento crolla in studio
Asia Argento crolla in studio

Vittima o carnefice ?

Dal caso Weinstein a Bennet, gli ultimi due anni di Asia Argento sono stati passati in rassegna dai presenti in sala. Serena Grandi, ospite in studio, ha chiesto all’attrice per quale motivo non si sia ribellata in passato. “Quando mi è successo io avevo 21 anni”, ha risposto lei, spiegando di non aver mai avuto il coraggio di parlarne finché una persona a lei vicina le ha raccontato di aver vissuto un’esperienza simile: “Una scena quasi identica, mi ero riconosciuta”.

Asia Argento e Barbara D'Urso
Asia Argento e Barbara D’Urso

Asia Argento ha raccontato di aver denunciato, ma non era sua intenzione sollevare un polverone anzi, come spiegato dalla stessa, tutto è partito da un’intervista rilasciata da un giornalista che era già a conoscenza di quanto accadutole: “Ad oggi non lo rifarei”.

Io l’ho frequentato perché ho cercato di normalizzare” spiega Asia riguardo alla frequentazione con Weinstein dopo la violenza subita. “Non volevo accettare il fatto che io ho permesso ad una persona di fare questo a me. Quando ho scoperto che l’ha fatto a tantissime donne sono stata male”.

Asia Argento e Francesco Facchinetti
Asia Argento e Francesco Facchinetti

Sulla vicenda legata al caso che la vede come molestatrice nei confronti del 17enne attore Jimmy Bennet, l’Argento ha glissato, mostrandosi ancora molto provata per la vicenda. Affermando di aver già dato la sua versione dei fatti, l’attrice ha definito la vicenda come molto dolorosa, “l’ho conosciuto dal bambino e non ha avuto la carriera che meritava. Hollywood è un luogo mostruoso che fagocita le anime. Non riesco ad avercela con lui anche se ha rovinato la mia vita quest’anno“.