Una storia raccapricciante accaduta in Alaska, due uomini, padre e figlio, hanno ucciso una mamma orsa e i suoi cuccioli mentre erano in letargo. Un’altra storia terribile che riguarda la crudeltà e la violenza degli uomini sugli animali. Hanno scovato la tana in cui la famiglia si trovava e hanno sparato colpendo a morte l’orsa. Dopo averla uccisa, i cuccioli dentro la tana hanno iniziato a piangere, a gridare, e i due non contenti hanno ammazzato anche i piccoli. Poi, sul posto, si sono fatti una foto con il corpo senza vita dell’orsa e poi l’hanno scuoiata, macellandola e dividendo la carne in sacchetti.

L’uccisione di mamma orsa

Erano convinti che nessuno avrebbe mai scoperto lo sterminio di mamma orsa e dei suoi piccoli, invece, il Dipartimento di Pesca e Selvaggina dell’Alaska e il Servizio Forestale degli Stati Uniti stavano conducendo uno studio su quella famiglia di orsi e avevano piazzato una telecamera per riprendere i loro comportamenti. Così, sono stati ripresi mentre mettevano in atto il massacro sparando all’orsa che si trovava nel rifugio costruito per trascorrere il letargo invernale con i suoi piccoli e poi, non contenti, anche ai cuccioli. Padre e figlio, Andrew e Owen R., si sono avvicinati alla tana e hanno sparato prima un colpo uccidendo mamma orsa, poi altri due colpi che hanno ammazzato i cuccioli, che subito dopo l’uccisione della madre avevano iniziato a piangere.

Poi, Owen si è messo in posa accanto al corpo senza vita dell’orsa tenendo in mano l’arto con gli artigli e si è fatto scattare una foto dal padre. Dopodiché, i due hanno iniziato a scuoiare l’animale, hanno preso carne e pelliccia e si sono allontanati. Uccidere un orso non è illegale, ma uccidere un’orsa in letargo con i suoi cuccioli è un reato nella regione di Esther Island in Alaska.

I due si sono poi recati all’ufficio del Dipartimento di Pesca e Selvaggina di Palmer hanno portato la pelliccia e la carne per certificarla, come è obbligatorio fare per i cacciatori negli Stati Uniti, e hanno mentito sul luogo in cui hanno ucciso l’animale dicendo di non aver visto alcun cucciolo, mentre in realtà avevano sterminato tutta la famiglia di orsi.

Ammazzano mamma orsa e i suoi cuccioli
I due con il corpo dell’orsa. Fotogramma The Humane Society of the United States

Tornano per prendere i corpi dei cuccioli

Dopo due giorni, i due sono tornati nel rifugio dove avevano ammazzato mamma orsa e i suoi cuccioli per raccogliere tutti i bossoli dei proiettili, pulire le tracce dello sterminio e per raccattare i corpi degli orsetti uccisi.

Come riporta il Dailymail, i due sono stati inchiodati dalla telecamera e sono stati condannati a pagare 1.800 dollari di risarcimento, una multa da 20mila dollari, alla confisca delle armi usate per uccidere la famiglia di orsi, gli sci che hanno usato per raggiungere la tana in cui si trovavano in letargo, i due IPhone di loro proprietà usati per scattare la foto con l’orsa morta e inviarsela. La licenza di caccia di Andrew (il padre) è stata sospesa per 10 anni ed è stato condannato a 5 mesi di prigione, Owen è stato invece condannato a compiere lavori utili alla comunità, un corso di sicurezza per i cacciatori e il suo permesso di caccia è stato sospeso per 2 anni.

Il crimine risale ad aprile del 2018 ma il video è stato rilasciato solo due giorni fa e pubblicato sul canale Youtube di The Humane Society of the United States.

Ammazzano mamma orsa e i suoi cuccioli
I due cacciatori quando sono tornati. Fotogramma The Humane Society of the United States.