È cominciato oggi l’incidente probatorio nell’ambito del processo all’operatrice socio-sanitaria rimasta incinta del suo allievo di ripetizioni di 15 anni. La donna ha dato alla luce un figlio 7 mesi fa e le analisi del Dna hanno dimostrato che sarebbe figlio del ragazzo.

Interrogatorio in videoconferenza

Il giovane è stato ascoltato oggi, in un interrogatorio privato della durata di 3 ore, in cui ha ricostruito i rapporti tra lui e la donna. Ad ascoltare questo interrogatorio (ma non presenti nella stanza, bensì collegati in videoconferenza) c’erano i legali della donna e quelli della famiglia del ragazzo.

Tutti gli articoli sul caso

La donna vuole farsi curare

Ad Adnkronos l’avvocato Mattia Alfano, che assiste la donna, ha dato informazioni sull’attuale stato psicologico della donna: "Non cerchiamo chissà cosa, la mia assistita ha manifestato la volontà di potersi curare e le dispiace di non poter iniziare questo percorso tra l'altro già individuato. Ascoltiamo le domande del giudice e il racconto del ragazzo, poi eventualmente faremo le nostre considerazioni. Andiamo avanti per la verità”. La donna starebbe quindi prendendo consapevolezza di quanto accaduto e vorrebbe curarsi con un percorso psicoterapeutico ad hoc. Il ragazzo, durante l’interrogatorio, è apparso sereno agli occhi dell’avvocato della donna ed avrebbe “risposto a tutte le domande”.

La donna è ai domiciliari

Sulle ripercussioni giudiziarie per la donna, il suo avvocato conclude: "Abbiamo la nostra versione dei fatti, certo la testimonianza del ragazzino è importante. Faremo poche domande, per rispetto del minorenne. Certo, ci dispiace che non abbiano revocato i domiciliari". La donna è infatti agli arresti domiciliari come confermato dal tribunale del Riesame, che non avrebbe concesso la revoca a prescindere dalle esigenze della donna, che sta accudendo il figlio nato 7 mesi fa. l tempo, il legale aveva spiegato: "la nostra assistita deve accudire il figlio più piccolo in modo completo, non solo in casa ma anche all’esterno e dunque la misura cautelare complica la situazione". Per perorare la causa, il legale aveva anche dichiarato: "La nostra assistita non ha mai frequentato siti pedopornografici. Non ci sono pericoli di reiterazione del reato e dunque devono essere revocati gli arresti domiciliari".