TV e Spettacolo

Ballando con le stelle, Milena Vukotic meraviglia : “Ho scoperto di essere bella”

Milena Vukotic da brutto anatroccolo a cigno ballerino a Ballando con le stelle. Moltissimi i complimenti per l'attrice romana che a 84 anni è un bellissimo e leggiadro fiore
Ballando con le stelle, Milena Vukotic meraviglia :

Per tutti è da sempre Pina Fantozzi, la non particolarmente avvenente moglie dell’ingegnere più amato d’Italia. Ora Milena Vukotic sta finalmente avendo un successo strepitoso come concorrente a Ballando con le stelle. A 84 anni, l’attrice, che bisogna ammettere non spicca per le sue doti estetiche, brilla invece per virtù artistiche, anche come ballerina. Grazia, eleganza e un senso del ritmo innato. Per queste sue caratteristiche, la Vukotic è entrata con merito nel cuore degli italiani a passo di danza. E con un sacco di complimenti.

Milena Vukotic: “A Ballando ho scoperto di essere bella”

Una sorta di rivincita di Pina Fantozzi quella che sta vivendo la sua interprete e il suo volto, Milena Vukotic.

Intervistata dal Corriere.it, l’attrice romana rivela di essere stupita dall’affetto e da tutti i complimenti ricevuti. “Mi fa sorridere (il fatto che le dicano che è bella, ndR). L’età c’è, ma è bello festeggiare l’essere in vita. Riguardo al fisico, penso sia la danza ad avermi aiutata, chissà. Mi tengo stretta queste belle parole“. La Vukotic ha la “fortuna” e l’esperienza di aver già avuto da ragazza una formazione nella danza, come parte del corpo di ballo del Grand Ballet du Marquis de Cuevas.

Formazione che emerge sulla pista, mentre si esibisce da tre sabati su Rai Uno a fianco del maestro Simone Di Pasquale. “Meravigliosa”, “Splendida”, “un incanto” sono solo alcuni dei commenti lasciati dai fan sul suo profilo Instagram. Una novità, come lei stessa ammette, dopo un passato da “bruttina”. “Ricordo un mio incontro con Renato Castellani – racconta – Mi disse: ‘ma lei cosa vuole fare? Il cinema? Bisogna essere o belle come Gina Lollobrigida o avere una tipologia marcata come Anna Magnani: lei non ha una cosa e nemmeno l’altra, le consiglio di lasciar perdere’“.

E ancora: “Lattuada mi scelse per Venga a prendere il caffè da noi. Io, Angela Goodwin e Francesca Romana Coluzzi dovevamo essere tre emblemi della bruttezza. A una avevano dovuto mettere una cosa in bocca, all’altra deformavano il viso con il trucco… A me, invece, non avevano fatto niente: andavo bene così“.

Milena Vukotic, una carriera incredibile

Nella sua vita ha lavorato con innumerevoli registi, tra cui Ettore Scola a Mario Monicelli, Bernardo Bertolucci e Dino Risi.

Nel cuore resta comunque la lunga collaborazione con Paolo Villaggio, che l’ha sì resa celebre ma anche “marchiata”. “Aveva creato degli archetipi. All’inizio, mi aveva detto: dimenticati ogni velleità, ormai siamo dei clown. E ho aderito, sono molto disciplinata. Se mi sono pentita? Mai, anche perché quella è una maschera universale. Ho cercato di sviluppare tutte le sue possibili sfumature. Penso di averlo fatto. Al punto che un giorno, invitata a colazione a casa di Paolo, dopo aver aperto la porta, la colf disse: ‘Signora, è arrivata la moglie di suo marito’. Paolo rise molto, ci volevamo bene“.

Villaggio con Milena Vukotic
Paolo Villaggio con Milena Vukotic in Fantozzi in paradiso (1993)

Potrebbe interessarti