fausta bonino

Il Tribunale di Livorno ha deciso e la sentenza è severissima. Al centro dell’attenzione c’è Fausta Bonino, più tristemente nota per essere la cosiddetta “infermiera killer“. Dopo 5 ora di camera di consiglio, il giudice Marco Sacquegna ha deciso di condannare all’ergastolo l’infermiera dell’ospedale di Piombino, imputata per omicidio volontario plurimo.

Ti potrebbe interessare: Piombino, chiuse le indagini: infermiera killer viene accusata di 10 omicidi

Piombino: condannata l’infermiera killer

La sentenza è arrivata a distanza di poco più di un mese dalla richiesta del pm. In quell’occasione la donna era uscita in lacrime dal tribunale professandosi innocente, affermando di non aver mai fatto nessuna delle cose emerse durante l’indagine e il processo, mentre la difesa parlava di giuste armi per una difesa adeguata.

La donna è stata riconosciuta colpevole delle morti dei pazienti ricoverati presso il reparto di rianimazione dell’ospedale di Villamarina di Piombino in un periodo che va da settembre 2014 a settembre 2015. A Fausta Bonino non è stata riconosciuta la colpevolezza su altri 6 casi di morte sospetta, poiché, secondo i giudici, il fatto non sussiste. L’infermiera era stata arrestata il 30 marzo 2016 per sospetto caso di omicidio; secondo gli inquirenti uccideva i pazienti in rianimazioni con anticoagulante ed eparina.

Ti potrebbe interessare: Infermiera Killer: frasi choc al telefono, ma forse la voce non è la sua