Cronaca

Scrive al sindaco di Ragusa e realizza il suo progetto: l’impegno di una 14enne per le spiagge pulite

Si chiama Nicole Radice la fautrice di un'iniziativa volta a salvaguardare l'ambiente in cui viviamo. Un'idea circoscritta al momento a Ragusa ma che si auspica possa essere replicata su scala nazionale. Si scende in spiaggia per ripulirla: questa l'idea della 14enne che ha voluto scrivere una lettera al sindaco che ha subito accolto la sua richiesta
ragusa

Nicole Radice è una ragazzina che passa le vacanze estive in Sicilia. Preoccupata per la trascuratezza delle spiagge ragusane, ha deciso di promuovere una lodevole iniziativa sostenuta dal sindaco di Ragusa,Cassì: una giornata di pulizia collettiva della spiaggia, chiamata Clean Up Sicilia, che si è svolta oggi.

Il desiderio
di Nicole Radice

Sulla scorta dell’esempio di Greta Thunberg, la 16enne svedese che ha originato un grande movimento di protesta contro il riscaldamento globale, Nicole Radice, la protagonista della vicenda nostrana, ha soltanto 14 anni, ma è già consapevole che è necessario e urgente attivarsi in favore dell’ambiente.

Nicole vive a Mariano Comense, in provincia di Como, ma conosce bene la Sicilia sud-orientale perché ogni anno, con la sua famiglia, trascorre le vacanze a Ragusa. “Da quando sono piccola – dice – vedo le spiagge siciliane che ogni anno diventano sempre più sporche e vorrei fare qualcosa per ripulirle. Avrei un desiderio: vorrei fare qualcosa per l’ambiente, in particolare vorrei che le spiagge della nostra Sicilia siano ripulite da plastica e spazzatura”.

Queste sono parole scritte da Nicole in una lettera che ha mandato qualche settimana fa al sindaco di Ragusa, Peppe Cassì, chiedendogli aiuto per realizzare il suo progetto di pulire la spiaggia insieme.

La realizzazione del Clean up Sicilia

Il sindaco ha pubblicato sulla sua pagina Facebook la lettera di Nicole. “Ogni anno –continua la ragazza– amo andare con la mia famiglia allo Spiaggione, quello tra Punta Braccetto e Randello. E quest’anno vorrei fare qualcosa per rendere più pulito questo luogo meraviglioso. Purtroppo il mare è molto inquinato e spesso lascia sulla spiaggia molta plastica, materiale molto pericoloso per i nostri mari.

Per evitare che il mare riprenda con sé questo materiale mi piacerebbe realizzare un evento, durante le vacanze pasquali. Sono sicura che con il benestare degli enti pubblici posso promuovere l’evento sui social in poco tempo, coinvolgendo tanti ragazzi che come me hanno il desiderio di salvaguardare le spiagge della Sicilia. I miei genitori, amici e parenti sono al corrente di questo mio desiderio e mi supporteranno, per questo motivo confido in una Sua celere risposta, augurandomi che possa essere positiva.

Vorrei chiamare il mio progetto ‘Clean Up Sicilia’ “.

Beppe Cassì ha dichiarato di credere nell’iniziativa e ha accettato di buon grado la proposta della ragazza. Sempre su Facebook, ha delineato il programma di oggi, mercoledì 24 aprile, giornata di pulizia collettiva. Il ritrovo è previsto per le 9 del mattino in Piazza Tremonti, Punta Braccetto, per una prima raccolta. Dopo il pranzo al sacco, dalle 14.30 alle 18.00 ce ne sarà una seconda. Nell’invito si consiglia un abbigliamento comodo, guanti di protezione, e si sollecita i partecipanti ad indossare delle magliette azzurre come simbolo dell’evento.

Un’iniziativa che ci auguriamo possa diffondersi in tanti altri luoghi bisognosi di cure, per proteggere l’ambiente in cui viviamo.

*immagine in alto: Facebook/Peppe Cassì

Potrebbe interessarti