Lele Mora contro tutti

Certi personaggi escono dalla porta per rientrare dalla finestra. La finestra, in questo caso, è quella di Barbara d’Urso e il “vip” di cui parliamo è il redivivo Lele Mora, che negli ultimi mesi ha ritrovato nuova popolarità. Tra Rai e Mediaset, l’ex manager delle star è tornato più volte di fronte alla telecamera per raccontare aneddoti e retroscena relativi ai suoi ex assistiti (sta preparando anche un libro). Due, in particolare, i nomi di peso finiti sotto la graticola di Live – Non è la d’Urso, l’appuntamento settimanale dell’universo di Carmelita.

L’amore tra Lele Mora e Fabrizio Corona

Ancora una volta, Lele Mora è tornato su Fabrizio Corona e sulla presunta relazione tra i due che tanti hanno insinuato nel corso degli anni e che Mora non ha mai smentito, anzi. Dopo aver confessato di aver avuto dei rapporti sessuali con l’ex re dei paparazzi, Lele Mora ha confessato di aver vissuto – in modo condiviso e non solo unidirezionale – non solo un trasporto fisico ma anche sentimentale.Tra me e Fabrizio Corona c’è stata una grande passione e un grande amore, che non deve essere solo sessuale, ma può venire dal cuore, dalle attenzioni” ha confessato Lele Mora.

Ha fatto di tutto per lavorare con me. Gli ho insegnato molte cose e lui era molto sveglio. L’ho aiutato, gli ho comprato tante cose e nella mia famiglia lo sapevano. Una relazione tutt’altro che nascosta quindi, ma addirittura condivisa con i cari. E sulla situazione attuale in cui si trova oggi Corona, che quindi non può replicare, Mora dice: “Sono molto dispiaciuto che sia in carcere, perché non si augura a nessuno.

Forse lui ha esagerato in alcune cose credendo di essere onnipotente“.

Lele Mora e Fabrizio Corona relazione
Lele Mora e Fabrizio Corona

Gli screzi con Costantino Vitagliano

E se Fabrizio Corona è stato definito una sorta di amante, Costantino Vitagliano può essere definito una sorta di figlio. Il tronista, pupillo del manager, è stata una delle creature più emblematiche dell’universo Mora. Dopo l’exploit dei primi anni tra serate, copertine e film per il cinema, la carriera di Costantino si è appannata e Mora pare conoscerne i motivi: “Se mi avesse seguito un po’ di più e mi avesse ascoltato, forse ancora oggi sarebbe il Costantino di prima.

Insieme abbiamo guadagnato molti soldi. Ma a volte certi legami si distruggono. Eravamo come un papà e un figlio”.  Non è dello stesso avviso, però, Vitagliano che replica aspramente: “Mi sono trovato sdraiato per terra, svenuto. Un padre può abbandonare così un figlio? Il sistema LM non mi ha tutelato perché io ero considerato un figlio. Per cinque anni ho avuto bloccato tutto quello che con te avevamo guadagnato Mi hai promesso delle cose che non hai mai mantenuto”. Ed eccoci nuovamente nei primi anni duemila.

Cambia tutto affinché non cambi nulla.

Costantino Vitagliano e Lele Mora
Costantino Vitagliano e Lele Mora a Live – Non è la d’Urso