La piccola Maddie McCann

Dopo l’annuncio di una nuova pista nel caso sul rapimento della piccola Madeleine “Maddie” McCann di qualche giorno fa, ci sono ulteriori sviluppi. Dapprima la notizia della pista di un predatore pedofilo che pare fosse proprio nei pressi della località in cui la piccola di 3 anni è scomparsa; oggi sulle testate britanniche è comparso il nome dell’uomo che adesso è il primo sospettato; si chiama Martin Ney e al momento si trova in carcere. L’uomo pare però aver negato ogni coinvolgimento con il caso McCann.

Rapimento Maddie McCann: divulgato il nome del sospettato

Sichiama Martin Ney, è un tedesco di 48 anni accusato di diversi crimini, dal 2012 si trova in carcere e sta scontando l’ergastolo per l’omicidio di 3 bambini e abusi su minore.

Secondo quanto riportato dal Daily Mail, Ney si trovava nel sud del Portogallo a partire dagli anni ’90 e usava diversi stratagemmi per colpire le sue vittime; tra questi ad esempio c’era l’utilizzo di tute mimetiche che utilizzava per spiare le sue potenziali vittime e avvicinarsi a lui senza essere visto.

A sinistra Martin Ney, a destra un ritratto dell’uomo sospettato di aver rapito Maddie.

Credits: Daily Mail

Martin Ney però ha sempre rapito bambini di sesso maschile e dal carcere ha già negato ogni coinvolgimento con il caso McCann; la polizia intende ascoltare lo stesso una sua deposizione. La famiglia della piccola Maddie è stata informata, ma al momento dai McCann non sopraggiungono dichiarazioni, se non il messaggio comparso sulla pagina web dedicata alla figlia, nel quale ribadiscono che continueranno a cercare la figlia per “tutto il tempo necessario”.

Maddie, scomparsa da 12 anni

Era il lontano 3 maggio 2007 quando la piccola Maddie McCann di soli 3 anni scompare nel nulla mentre si trovava in vacanza insieme alla famiglia in Portogallo, a Praia de Luz nella zona di Algarve.

Da allora della piccola non si è saputo più nulla, ma i genitori non hanno mai smesso di cercarla da allora. Dalle prime indagini, dopo un allarme mondiale diramato dall’Interpol 6 giorni dopo la scomparsa, la Policìa Judiciàrìa portoghese ha dichiarato che la piccola era stata rapita. Nel corso degli anni ad essere accusati furono gli stessi genitori della piccola, Kate e Gerry McCann, il sospetto era quello che la bambina fosse morte, accuse decadute nel 2008.