amatrice giulia medaglietta

Fabio Rinaldo, nel terremoto che mise in ginocchio Amatrice 3 anni fa, perse la figlia Giulia di soli 6 anni. Il dolore di una perdita del genere in questi giorni è stato acuito dal fatto che Fabio ha perso la medaglietta con la foto di Giulia, ricordo che dal momento della morte della piccola portava sempre con sé. 

Per ritrovarla, l’uomo ha deciso di fare un appello sui social, che è già rimbalzato ovunque.

Morì salvando la sorellina

Il 24 agosto 2016, i soccorritori che lavoravano tra le macerie di Amatrice recuperarono un piccolo corpo, ormai inerme.

Era Giulia, che nella notte del terremoto dormiva accanto alla sorellina Giorgia. La più piccola era riuscita miracolosamente a sopravvivere: la sorella Giulia l’aveva protetta, facendole da scudo con il suo corpo.

Da quel momento, la vita dei Rinaldo è più difficile: vanno avanti giorno per giorno per la figlia minore, per onorare il sacrificio della primogenita. Già un mese fa, la famiglia aveva vissuto un forte dolore: contro ogni aspettativa, dalla pubblica amministrazione era arrivata una comunicazione che faceva presente che Giulia (morta da anni) era richiamata dall’ASL per fare il vaccino per il papilloma virus.

Oggi, un nuovo dolore

Quell’errore a livello istituzionale aveva causato un forte shock ala famiglia e l’incidente di qualche giorno fa ha acuito la sofferente per un padre già addolorato: “Oggi ho perso la medaglietta di mia figlia Giulia la indossavo da quando è diventata un angelo prego chiunque l’ abbia trovata di contattarmi e di condividere il post il più possibile grazie infinite”.

Fabio Rinaldo ha anche dato qualche informazione su dove potrebbe essere ritrovata la medaglietta: “Questa mattina ho fatto tappa ad Amatrice Terme di Cotilia Riano prima porta cimitero dal mio angioletto grazie di cuore a tutti che mi state aiutando”.

(Immagine in alto, a destra: Wikimedia commons/lacricchetta/ dimensioni modificate)