TV e Spettacolo

Silvio Berlusconi, lettera al figlio Piersilvio per i suoi 50 anni

Piersilvio Berlusconi è arrivato al suo 50esimo compleanno: il padre gli ha dedicato una lunga lettera piena di ricordi e di elogi per il figlio
berlusconi padre figlio

Non è un momento semplice per Silvio Berlusconi (recentemente finito in ospedale e operato di occlusione intestinale) ma ciò non toglie che il leader azzurro abbia trovato il tempo per scrivere una lettera in onore di suo figlio Piersilvio, in occasione del suo 50esimo compleanno.

La lettera è stata letta durante i festeggiamenti ed alcuni stralci sono stati riportati in esclusiva da Chi, il settimanale di Alfonso Signorini.

I ricordi dell’infanzia

Nella lettera a Piersilvio, l’ex Cavaliere si è lasciato andare ad una passeggiata sul viale dei ricordi: “Mi sembra davvero impossibile che così tanto tempo sia passato da quando ti tenevo fra le braccia da piccolo e da quando giocavo con te godendomi la tua bellezza, la tua simpatia la tua allegria”.

Un ricordo tenero, profondo, che lo riporta al presente: “Da allora tanto tempo è passato ma quei ricordi e quelle immagini sono sempre rimaste nel mio cuore  ancora oggi quando il lunedì entri nella sala da pranzo e vieni a baciarmi, si rinnova ogni volta l’emozione di allora“.

I successi professionali

Non sono mancati gli elogi per la carriera del secondogenito: “Mi hai sostituito alla guida della televisione come nessun altro avrebbe saputo fare.

Ti sei conquistato la stima di tutti, hai preso sempre le giuste decisioni nei momenti difficili”. La lettera è molto lunga (ben cinque pagine di ricordi e aneddoti) e si conclude nel più tenero dei modi: “Bene, potrei dirti molte altre cose sul mio rapporto con te ma credo che questo basti. Sono un padre orgoglioso, molto orgoglioso di avere un figlio come sei tu”.

I festeggiamenti per il 50esimo compleanno sono avvenuti a Cannes, dove Piersilvio e la compagna Silvia Toffanin hanno festeggiato insieme ai loro figli, a Silvio Berlusconi, alla madre Carla Elvira Dall’Oglio e alla sorella Marina.

Potrebbe interessarti