pamela-prati

Tante le voci che si sollevano in questi giorni sul matrimonio mancato di Pamela Prati. Prima fra tutte quella del ristoratore Pasquale Mazzei, addetto al catering per il ricevimento, che i un’intervista rilasciata al settimanale Oggi ha rivelato di aver avuto dei sospetti sin dal primo incontro con la soubrette e il suo entourage.

Poi quelle dell’ex Luigi Oliva che svela la verità su alcune difficoltà economiche affrontate da Pamela e dalle quali l’avrebbe aiutata ad uscire. Infine la disegnatrice Romina Bandera, contattata da Pamela Perricciolo, che raggirata avrebbe dichiarato a Chi: “Mark Caltagirone non esiste“.

Il mistero del ritratto

La Bandera sarebbe stata contattata per realizzare un ritratto di Pamela e del suo fidanzato fantasma, Mark Caltagirone, abbracciati.

Tra le pagine del settimanale diretto da Alfonso Signorini, però, la disegnatrice esordisce: “Mark Caltagirone, non esiste! Perché hanno creato questa storia? Io ho le prove che Mark Caltagirone non esiste“. Argomento su cui ieri si è continuato ad indagare anche a Live – Non È La D’Urso.

Pamela Prati lascia lo studio di Barbara D'Urso
Pamela Prati lascia lo studio di Barbara D’Urso

Quando è stata contattata da Pamela Perricciolo, titolare dell’agenzia Aicos, Romina ha ricevuto la seguente commissione: “Lui (riferito a Caltagirone) sta visionando ragazzi che sanno disegnare perché a novembre Pamela fa sessant’anni e vuole fare un castello pieno di disegni.

Ti vorrebbe a Roma per un incontro di lavoro e per parlare di cifre“. E poi ancora: “Calcola che lui è Caltagirone, il più grosso imprenditore italiano. Se gli piace come lavori, hai svoltato“. Le foto, però, di coppia non sono mai arrivate, la Bandera ha ricevuto solo foto di Pamela e il presunto Caltagirone (probabilmente un avvocato di Cagliari) separati. “Insistevo per avere una foto dei due, ma niente. Mi arrivavano solo scatti singoli con sfondi e situazioni sempre diverse. Inizio a capire che qualcosa non quadrava e allora chiedo se posso avere un incontro con Caltagirone anche perché stavo lavorando e nessuno mi parlava di soldi“.

Una presa in giro?

Dopo una certa insistenza la disegnatrice si è sentita dire che Caltagirone non poteva rispondere al momento perché preso dal dramma del figlio di 10 anni, che sarebbe malato di cancro e sottoposto a chemioterapie.Ti faccio sapere mercoledì che vedo il dottor Caltagirone perché suo figlio di dieci anni ha iniziato la chemio, quindi capirai che non parlo di altre cose” le ha detto l’agente di Pamela.

pamela-perricciolo
Pamela Perricciolo, manager di Pamela Prati

Poi la Bandera prosegue: “Inizio a chiedere notizie sulle condizioni di salute del figlio, ma niente. Nessuna risposta. Riappare quando le mando un primo piano di Pamela lavorato“. Infine esplode: “Dopo aver visto ciò che è accaduto in tv, dopo aver seguito la vicenda ho deciso di parlare, perché io sono stata raggirata. Dei soldi non importa. Sono una credente, mi fido di nostro Signore. Di certo c’è che sono stata usata: hanno messo in mezzo minorenni e malattie. Tutto questo si riduce a una parola: schifo“.

La voce del ristoratore

Intanto vengono fuori le versioni anche degli organizzatori coinvolti in queste nozze che non si sono mai tenute. Come quella di Pasquale Mazzei, che è stato incaricato di organizzare un banchetto del valore di 17 mila euro. Sono stato contattato subito dopo Pasqua dalla wedding planner Consuelo Di Figlia” ha cominciato Mazzei tra le pagine di Oggi.Poi il 25 aprile ho incontrato la signora Prati, accompagnata dalla sua agente Eliana… Con lei abbiamo concordato il menu, per 60 invitati: risotto all’astice, bisque di crostacei, fagottino ripieno con melanzane e burrata, branzino al cartoccio. Ha anche ordinato una torta monumentale a quattro piani“.

Ma già da quell’incontro nel ristoratore sono nati i primi sospetti. “Ho capito che c’era qualcosa che non andava il giorno stesso dell’incontro. Dicevano di sì a tutte le mie proposte, non è normale“. Infine quando ha scritto allo staff della Prati per ricevere la caparra non ha mai ricevuto risposte, se non mail di scuse, fino a quando non è giunta la notizia dell’annullamento delle nozze. Nell’ultimo contatto a Mazzei la squadra Prati scrive: “Non appena avremo notizie della futura data delle nozze, sarà nostra premura comunicarvela“.

Problemi economici per Pamela?

Di tante chiacchiere sul finto matrimonio è stata si è diffusa presto la teoria che fosse una montatura, volta ad ingrossare le tasche di Pamela e dell’agenzia che c’è dietro. Una teoria che ha cominciato a suonare veritiera dopo alcune dichiarazioni di un amico dell’ex della Prati, Luigi Oliva, che avrebbe sostenuto che quest’ultimo ha salvato la casa della showgirl dal pignoramento.

Dichiarazioni che lo stesso Oliva ha provveduto a smentire tra le pagine di Chi.Non ho mai detto che io ho prestato dei soldi a Pamela Prati, pertanto smentisco quanto dichiarato“. Eppure Luigi Oliva non nasconde che in altri modi è stato di supporto a Pamela per far fronte ad alcune difficoltà economiche: “Non nego che quando Pamela ha avuto bisogno ci sono stato, ma queste sono cose strettamente personali. E non nego che per lei in questo grande momento di difficoltà ha bisogno della mia persona, io cercherò di darle una mano“. Ma quando si parla di Caltagirone Oliva non ha che un pensiero: “Sono stanco e voglio stare lontano da questi pettegolezzi e da questa spazzatura”.