heather parisi con il pugno chiuso alzato

Irriverente e senza peli sulla lingua: l’ingresso con il pugno alzato di Heather Parisi nello studio di Che Tempo Che Fa, già di per sé prometteva bene sul tono dell’intervista. La ballerina non ha fatto sconti per nessuno e durante il vis-à-vis con Fazio, ha parlato a ruota libera.

Heather Parisi e l’ingresso col pugno alzato

Subito dopo gli onori di casa, Fabio Fazio ha subito sottolineato alla Parisi che alzare il pugno in Italia, ironizzando sul suo essere inglese e quindi poco avvezza, poteva lasciar filtrare dei messaggi precisi al pubblico.

Ma la Parisi lo ha bloccato subito, alzando nuovamente il pugno: “È la difesa dei diritti dei diversi“, ha chiosato la Parisi lasciandosi avvolgere dall’applauso del pubblico. Specificando immediatamente dopo: “Non facciamo equivoci“.

I nonni emigrati in Calabria

Nel corso dell’intervista la Parisi ha avuto tempo e modo per rispolverare dal passato vecchi aneddoti, ricordi, rimembranze risalenti agli arbori della sua carriera nata fortuitamente, per caso: “Ero in vacanza in Sardegna, dovevo andare in Svizzera con tutti i miei amici della Stanford University, ho deciso di scendere giù in Calabria, a Terravecchia in provincia di Cosenza per conoscere i miei parenti, perché i miei nonni sono emigrati dagli Stati Uniti in Italia“.

I provini in Rai, aneddoti del passato

Alle spalle, appaiono scatti, fotografie a testimonianza della sua carriera e scorgendo quella con Alberto Sordi, irrefrenabile, è tuonata la Parisi: “Oh Alberto Sordi, era fissato con i miei glutei, era fissato con il toccarmi sempre i glutei“, una tipica esternazione alla Littizzetto, si può dire, che ha subito gettato Fazio nell’imbarazzo.

Si passa poi velocemente al suo primo provino in Rai, quando la Parisi salì sulla scrivania di Giovanni Salvi: “Ho messo il mangianastri, sono salita sopra (ndr.

la scrivania) e gambe a destra e a sinistra e ho spostato tutto quanto, ho ballato sopra“. C’era anche Pippo Baudo tra i presenti, che come sottolinea, era del tutto sbalordito dall’improvvisa performance della ballerina de “le cicale”.

I messaggi per i diritti omosessuali

Dopo aver parlato del suo particolare rapporto con Raimondo Vianello e Sandra Mondaini – discorrendo sulle grandi personalità che ha incontrato nella sua vita e con cui ha avuto piacere di lavorare – Fazio la interpella su una curiosità, su alcuni particolari dei suoi balletti, alcune mosse che veicolavano precisi messaggi.

fabio fazio mentre cerca di fermare heather parisi che fa il pugno chiuso
Fabio Fazio ed Heather Parisi a Che Tempo che Fa (frame)

Si parla, ad esempio, di Disco Bambina, le cui mosse del video avrebbero fatto filtrare dei messaggi in direzione della lotta per i diritti degli omosessuali. “Era l’unico modo per salutare i miei amici gay – chiosa la Parisi – Sai, le persone che hanno gusti sessuali diversi, la pelle diversa, religione diversa sembrano diversi ma non lo sono. Anzi, ben vengano le persone diverse, che dobbiamo essere tutte pecore che seguono il prossimo?

Secondo me ognuno deve essere com’è, non deve mascherare“.

Un grande piatto di c…ozze!

Particolarmente ironico anche il “fine-intervista”, quando la Parisi sulla scia del passato, in relazione alla lingua napoletana, ha esordito dicendo: “Io non capivo un pene“, un trampolino di lancio per una stoccata di tutto punto: “Ma non si può dire ca**o, anche quella parola si può dire? No perché ho una cosa da dire! Ero appena arrivata in Italia, ero in via Veneto, dentro un ristorante di pesce e ho chiesto un grande piatto di quelle cose nerecontinua la Parisi, sfidando l’imbarazzo di Fazio che la prega di trattenersi – Ma voglio un grande piatto di ca**i“.

heather parisi a bocca aperta per lo stupore
Heather Parisi ospite di Che Tempo che Fa (frame)

*immagine in alto: Heather Parisi ospite a Che Tempo che Fa (frame)