carabinieri

Ieri sera Alijch Rhustic, il 25enne fermato per la morte di suo figlio di 2 anniha confessato. Sembra che l’uomo, almeno stando a quanto ha dichiarato, abbia assunto dell’hashish per poi uccidere il figlio “in un momento di rabbia, picchiandolo fino a ucciderlo“. Ora a parlare è la madre del piccolo, Silvija Zahirovic, che avrebbe raccontato di violenze reiterate: “Quando mio marito fuma va fuori di testa, perde il controllo“.

Il racconto della madre

Sembra che la 23enne abbia raccontato non solo che le violenze andavano avanti da tempo. Queste però non sarebbero avvenute solo nei confronti del bambino, ma anche nei suoi.

Agli inquirenti ha raccontato di aver provato a intervenire per salvare il figlio dalla furia dell’uomo, ma di non esserci riuscita. Poi avrebbe anche rilasciato alcuni dettagli sulla violenza: Alijch avrebbe ucciso il piccolo di appena 2 anni a mani nude, senza l’ausilio di alcun oggetto. La donna è madre di quattro bambini e incinta del quinto.

La confessione del padre

È stato proprio lui a chiamare i soccorsi ieri: “In via Ricciarelli 22 c’è un bambino che non respira, serve un’ambulanza“, avrebbe detto ai soccorritori al telefono prima di sparire.

Qualche ora dopo è stato trovato nel quartiere Giambellino e alla fine è stato portato in carcere dopo un lungo interrogatorio nel quale ha confessato. A puntare il dito contro il 25enne della morte del figlio era stato anche il prozio della coppia che lo aveva descritto come una persona violenta e capace di una cosa simile.