bambini in una scuola materna

Fino al 16 maggio, il numero delle persone che avevano contratto l’epatite A in una scuola materna di Milano situata nei pressi dei Navigli era 4, un’insegnante e 3 bambini, ora il numero dei bimbi che sono rimasti contagiati è salito a 5. Sono quindi altri due i casi accertati di epatite A tra i piccoli che frequentano l’asilo. I bambini si trovano ricoverati in ospedale sotto osservazione.

L’epatite A nella scuola materna di Milano

Gli ultimi 2 bambini che hanno contratto l’epatite A sono stati vaccinati una decina di giorni fa, insieme ad altre 130 persone tra insegnanti e alunni.

Come ha spiegato a Il Giorno il responsabile della profilassi delle malattie infettive dell’Ats (Agenzia di tutela della salute) di Milano, Marino Faccini, i bimbi con ogni probabilità avevano già contratto la malattia e per questo motivo il vaccino non è stato efficace nel scongiurare il loro contagio.

Il vaccino contro l’epatite A protegge dal virus dopo una ventina di giorni. L’epatite A non è grave come la B e la C e guarisce dopo un paio di settimane di cura, senza cronicizzarsi, e di solito è lo stesso sistema immunitario a sconfiggerla.

I sintomi più frequenti, come riporta la Fondazione Italiana per la Ricerca in Epatologia, sono debolezza, dolori muscolari, diarrea, perdita di appetito, vomito, febbre, mal di testa, ittero e dolori addominali.

Il rispetto delle norme igieniche per arginare il contagio

Nonostante si contragga con facilità in presenza di ambienti in cui è carente il rispetto delle norme igieniche, il personale dell’Ats ha tranquillizzato i genitori dei bambini che frequentano la scuola materna di Milano, situata in zona Navigli e in cui sono stati riscontrati i casi di epatite A, sulle condizioni di pulizia della struttura, raccomandando come precauzione principale contro l’infezione quella di lavare spesso le mani.

L’epatite A si trasmette infatti per via oro-fecale cioè quando i residui fecali presenti nell’ambiente passano all’interno del canale alimentare, quindi è fondamentale mantenere un’igiene personale costante per arginare il contagio della malattia acuta del fegato generata dal virus HAV. Proprio perché la pulizia degli ambienti della scuola materna è apparsa all’Ats adeguata non è stata annullata la festa di fine anno prevista per oggi.