Picchia la moglie e fa cadere a terra il figlio trauma cranico per il neonato

Non è la prima volta che accade un fatto simile in Italia. Una storia di violenza unita a un clima di disagio dove ad andarci di mezzo sono sempre i più deboli, come in questo caso. Ad Ostia, questa notte, un 25enne ha aggredito la moglie e nella colluttazione, loro figlio è caduto a terra, riportando un lieve trauma cranico

L’aggressione alla moglie e la caduta del piccolo

Erano le 4 di notte, quando un 25enne romeno è rientrato a casa sua a Ostia completamente ubriaco. Ha aggredito la moglie; per picchiarla l’ha spinta contro il lettino dove riposava il loro piccolo di due mesi.

Il neonato, nella colluttazione, è caduto a terra. I soccorsi sono stati immediatamente allertati. Il piccolino ha riportato un lieve trauma cranico e, ora, è stato dimesso dall’ospedale con due giorni di prognosi. Durante la violenza, il romeno ha aggredito anche il coinquilino, un egiziano, che probabilmente ha cercato di difendere la donna. Il 25enne è stato arrestato. Si tratta di un ragazzo, disoccupato, con precedenti di polizia, già noto alle forze dell’ordine in quanto accusato di maltrattamenti in famiglia.

 

Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

Violenza disumana

La cronaca nazionale è piena di casi simili. Donne e bambini sono coloro che più spesso ricevono tutta questa violenza disumana e non giustificabile in alcun modo. L’ottobre scorso nella Valle Elvo, in Piemonte, la tremenda storia di una donna picchiata e presa a cinghiate dal marito perché voleva farla abortire ha fatto rabbrividire tutta Italia. La donna per anni ha sopportato i soprusi del marito e i figli subivano le stesse brutalità in quanto spesso si mettevano in mezzo per difendere la madre.

 

Violenza sulle donne. Immagine di repertorio
Violenza sulle donne. Immagine di repertorio

Mentre qualche mese fa, i carabinieri del Comando Provinciale di Ascoli Piceno sono intervenuti per fermare un altro episodio di maltrattamenti. Un uomo di 41 anni stava crudelmente picchiando la moglie davanti agli occhi della figlia minore della coppia. La quale, con grande prontezza di spirito, è riuscita a chiudersi in bagno e ad avvertire il 112.