Marco Columbro (Foto Elena Torre Flickr)

L’ex conduttore televisivo Marco Columbro dice la sua sulle voci riguardanti sue presunte difficoltà economiche, circolate in questi giorni. In un’intervista molto schietta rilasciata al Corriere della Sera, Columbro non le manda a dire. “Io in difficoltà? Io con problemi di soldi? Aprire la bocca è facile, connettere bocca e cervello è più difficile”. E su Berlusconi aggiunge: “Non ne voglio parlare. Posso dire solo che vivo ancora nella villa dirimpetto ad Alba Parietti, di cui scrivono, e che Berlusconi è la persona più generosa che conosca”. Ma c’è spazio anche per raccontare della sua spiritualità e persino della reincarnazione.

In ipnosi regressiva, ho visto due vite precedenti: sono stato un cavaliere templare diventato monaco benedettino e, in un’altra vita, un medico”.

Dopo l’ictus, per Columbro non c’è stato più spazio in tv

Negli ultimi giorni è circolata una voce sul web, secondo cui Columbro avrebbe problemi economici e per questo motivo l’anno scorso Berlusconi gli avrebbe comprato la villa di Basiglio, a Milano 3. Per l’ex conduttore queste sono tutte chiacchiere senza fondamento. Columbro, 68 anni, a inizio anni 2000 ebbe un ictus, due interventi per aneurisma e un mese circa di coma. Da allora è scomparso dalle televisioni. Anche riguardo a questa vicenda, l’ex conduttore non ha avuto peli sulla lingua.

“Per cinque o sei anni, ho bussato a tutte le porte, invano. Poi me ne sono fatto una ragione: la vita è fatta di cambiamenti. Ho fatto teatro fino a quattro anni fa, poi televendite di condizionatori, ma si vede che il mio destino erano studio e conoscenza”.

Silvio-Berlusconi-e-Marco-Columbro-Immagini-di-repertorio
Silvio-Berlusconi-e-Marco-Columbro (Immagini-di-repertorio)

Gli studi spirituali e la serenità ritrovata

A questo punto dell’intervista, infatti, Columbro racconta delle attività svolte negli ultimi anni. “Mi occupo di una locanda in Toscana e ho appena finito il libro sulla mia quarantennale ricerca spirituale. Tema: risvegliarci dal sonnambulismo che ci hanno indotto migliaia di anni fa le religioni e un tipo di scientismo che ti porta a pensare solo con la testa, non col cuore.

Siamo esseri divini, eterni, multidimensionali. La morte non esiste, se non per il corpo fisico. Se lo capisci, la religione non è più importante, non è più il mio dio o il tuo, siamo tutti uguali e nasce la democrazia spirituale”. E conclude dicendo: “Sono sereno. Da nove anni ho una compagna, Marzia, bella e profonda. So che la felicità è passeggera, mentre la serenità te la devi conquistare, imparando a governare le emozioni, però è durevole”.

Marco Columbro in tv a fine anni '80
Marco Columbro in tv a fine anni ’80