Vai al contenuto

William e Kate, un figlio gay? Il principe svela la sua vera preoccupazione

Pubblicato: 28/06/2019 10:03

Un altro tabù se ne va da Casa Windsor, infranto dalle recenti dichiarazioni dei duchi di Cambridge, William e Kate, sull’eventualità di essere genitori di un figlio omosessuale. Se uno tra George, Charlotte e Louis fosse gay per papà e mamma non ci sarebbe alcun problema. La preoccupazione del principe e della consorte sarebbe un’altra, come riferito dal primogenito di Lady D durante una visita all’Albert Kennedy Trust di Londra, istituto che si occupa di giovani emarginati per il loro orientamento sessuale.

William: “Un figlio gay? Nessun problema”

Secondo il principe William e sua moglie Kate, se un loro figlio fosse gay non ci sarebbe alcun problema. Ne ha parlato lui stesso, durante un’importante visita presso la sede londinese dell’Albert Kennedy Trust (ong che si occupa di discriminazioni ai danni di giovani della comunità Lgbt).

Ovviamente reagirei assolutamente bene“, ha fatto sapere il duca di Cambridge, secondo in linea di successione al trono britannico. Ma nel cuore del figlio di Carlo e Lady Diana alberga una grande preoccupazione, l’unica, condivisa con la consorte, in grado di rendergli lo scenario meno roseo di quanto possa essere.

La preoccupazione del duca di Cambridge

C’è una sola cosa che spaventa William e Kate davanti alla prospettiva che uno dei figli sia omosessuale: la discriminazione. “L’unica cosa di cui sarei preoccupato – ha confessato il duca – è come questo possa essere visto o interpretato, in particolare per il ruolo che i miei figli rivestono“.

Motivo di apprensione, dunque, sarebbe tutto il ‘contorno’ a un eventuale coming out, spesso fatto di ignoranza e pregiudizio immotivati. La soluzione ipotizzata dal principe sarebbe una sola: la comunicazione. È questa, a suo dire, la sola arma contro rigurgiti di intolleranza e incomprensione.

Il germe della discriminazione si annida, talvolta, anche tra le mura domestiche. Non sono infrequenti casi di ragazzi cacciati di casa per via del loro orientamento sessuale e questo contribuisce a un pericolosissimo cortocircuito sociale.

Il drammatico fenomeno delle aggressioni omofobe è particolarmente sentito dal principe William, che nel 2016 ha posato per la copertina di Attitude, rivista dedicata al tema Lgbt. “Nessuno al mondo – ha concluso – dovrebbe essere bullizzato per la sua omosessualità“.

*immagine in alto: fonte/Instagram Kensington Royal, dimensioni modificate

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 28/06/2019 10:04