Bimbo veglia la mamma morta per un giorno: ora vuole stare con la nonna

Proprio nei giorni in cui il web è invaso dai giocosi tentativi di invecchiamento, una notizia dal sapore fantascientifico arriva dalla Cina. Un bimbo scomparso 18 anni fa è stato ritrovato grazie ad un software estremamente all’avanguardia, che ha permesso di “invecchiare” le sue foto di bambino. L’ormai 20enne Yu Weifeng, rintracciato in mezzo a un centinaio di possibili candidati, è ora tornato ad abbracciare i suoi genitori.

La storia di Yu, scomparso 18 anni fa

Yu Weifeng aveva solo 3 anni quando i suoi genitori hanno perso le sue tracce. Era il 6 maggio del 2001 e Yu stava giocando vicino al cantiere in cui il padre lavorava come caposquadra.

In quelle circostanze, probabilmente qualcuno lo ha rapito: il piccolo è svanito nel nulla e non c’è stato modo di rintracciarlo. Fino ad oggi. La storia di Yu non si ferma al rapimento: il bambino è stato poi abbandonato e, in seguito, adottato da una nuova famiglia. Al giorno d’oggi Yu Weifeng studia e vive con la famiglia adottiva (di cui ha preso il nome) a Guangzhou. Ha 21 anni.

Il ritrovamento grazie ad una Intelligenza Artificiale

Per 18 lunghi anni i genitori di Yu hanno sofferto e sperato in un lieto fine. Oggi quel lieto fine è arrivato.

La polizia si è servita di una tecnologia potentissima e avanzata che ha consentito l’invecchiamento delle foto del piccolo Yu e ha ricostruito, così, il suo probabile aspetto a 21 anni. In base ai lineamenti facciali proposti dal software, sono stati poi selezionati un centinaio di potenziali “Yu Weifeng” all’interno di un enorme database: nel giro di un paio di mesi, l’autentico bambino scomparso è stato ritrovato. Naturalmente, per confermarne l’identità, è stata essenziale la prova del DNA.

La reazione del padre e l’attenzione dei media britannici

Il padre di Yu Weifeng ha rilasciato una dichiarazione toccante, riportata dal quotidiano The Sun, in cui ringrazia di cuore la famiglia adottiva per essersi presa cura di Yu: “D’ora in avanti, il suo papà adottivo diverrà come un fratello per me; mio figlio avrà due padri”, conclude commosso.

L’incredibile risultato del software cinese ha inevitabilmente attirato l’attenzione su di sé: altri casi irrisolti di sparizioni potrebbero servirsi dello stesso metodo.