Michelle Hunziker e la figlia Aurora

La vita dei figli d’arte non è sempre lucente e meravigliosa come può sembrare. Se da un lato si è indubbiamente più fortunati della media delle persone, dall’altro lato la notorietà e la fama dei genitori può portare a conseguenze spiacevoli.

Così è successo ad Aurora Ramazzotti, figlia di Eros e Michelle Hunziker. Intervistata dal settimanale Oggi, la ragazza si racconta e confessa di aver avuto un’infanzia non semplice. Tanti ricordi e anche un periodo oscuro e di paura legato alla minaccia di aggressione nei suoi confronti.

Sempre all’ombra della mamma Michelle

Durante gli anni dell’adolescenza sono stati numerosi gli scontri e le litigate con mamma Michelle.

Per Aurora Ramazzotti era difficile subire i continui raffronti e paragoni con la madre. “Lei è una donna bellissima e io la amo pazzamente, non capivo perché dovevano forzare le cose e creare un confronto che tra noi non esiste”.

Adesso che ha 21 anni ha recuperato il rapporto materno e tra le due si è instaurato un forte legame pieno di complicità. Oggi si sente anche più sicura di sé “un po’ perché sono più grande, un po’ perché mi sento meglio fisicamente e ricevo molti elogi oltre ai soliti insulti”.

Parlando di Eros Ramazzotti, Aurora ha dichiarato di essere legatissima: “Adoro il mio papà, è un uomo straordinario, dolcissimo e sensibile. Inoltre Aurora lo supportando in un periodo particolarmente difficile, infatti il cantautore romano sta affrontando una nuova separazione con la ex compagna Marica Pellegrini.

Le minacce via email

A proposito del rapporto con la madre, Aurora racconta uno spiacevole episodio vissuto recentemente da lei e Michelle. “Nel 2017 mia madre ha ricevuto una email di ricatto: se non avesse pagato, mi avrebbero sfregiato con l’acido”.

Una minaccia terribile che hanno affrontato insieme e che le ha segnate entrambe. Da quel giorno per lei sono state annullate le uscite serali, tutti gli spostamenti venivano pianificati e monitorati da un uomo di scorta.

In poche parole la vita della giovane donna è cambiata radicalmente, eppure questo episodio è servito a farla reagire: “Le minacce mi hanno dato una scossa, ho dovuto reinventarmi un’esistenza e questo mi ha fatto scoprire lo sport”. E così ha perso ben dieci chili e da pigrona e “divanista cronica” si è trasformata in una ragazza atletica e dinamica.