A Fiuggi, un marito violento ha picchiato la moglie perché non aveva preparato la cena. Le figlie piccole salvano la mamma videochiamando la nonna (Immagine di repertorio)

Un nuovo caso di efferata violenza domestica sconvolge l’Italia: questa volta ad essere vittime sono una madre, affetta da disabilità motoria, e una figlia di 7 anni, residenti ad Aviano. A perseguitare con violenze continue madre e figlia era il marito e padre delle due, un uomo di 44 anni sul quale adesso pende un provvedimento di allontanamento.

Lei ha tenuto un diario in cui raccontava le violenze

Gli abusi e i maltrattamenti sono venuti alla luce nella giornata del 22 giugno, in cui moglie marito hanno avuto una lite furiosa.

Quel giorno, la donna ha deciso di denunciare il marito, raccontando di ben 3 anni di violenze e soprusi. lui, un magazziniere 44enne, è un alcolista ed un violento, con uno spirito fortemente prevaricatore. L’uomo era violento con le due da anni: le violenze venivano trascritte e raccontate dalla donna in un diario, che è stato considerato prova chiave delle violenze. L’uomo a quanto pare picchiava e maltrattava anche la piccola.

Abitavano in condizioni igieniche pessime

L’appartamento in cui la donna era costretta a vivere era al limite della fatiscenza: gli ambienti erano tutti in pessime condizioni igienico- sanitarie e l’appartamento era raggiungibile solo attraverso una scala, il che metteva chiaramente in seria difficoltà la donna per via delle sue disabilità motorie.

L’uomo è incensurato: a suo carico è stata applicata una misura coercitiva di allontanamento dalla casa familiare. L’uomo non potrà inoltre avvicinarsi a meno di 300 metri da madre e figlia. In ultimo, le due donne riceveranno ogni mese una somma definita. L’obbligo prevede che qualora l’uomo decide di non versare i soldi sarà il suo stesso datore di lavoro e sottrarre la somma al suo stipendio ed indirizzarla alla famiglia.