GIORGIA MELONI POLITICO

Giorgia Meloni può dopo molto tempo, dormire sonni tranquilli: la Digos della Questura di Roma ha arrestato a Trentola-Ducenta lo stalker che ormai da tempo minacciava la serenità della sua famiglia. 

La politica si è detta sollevata per la conclusione della vicenda, congratulandosi con le forze dell’ordine.

Sollievo dopo l’arresto

Lo stalking è uno dei reati più diffusi e che maggiormente possono portare a modificare la vita quotidiana e privata della vittima che ne è afflitta. Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia, da tempo riceveva messaggi diffamatori e minacce su Facebook. A quanto pare la polizia postale si è accorta per prima di quanto stava accadendo: “Devo ringraziare le Forze dell’Ordine perché loro se ne sono accorti prima di me, io l’ho scoperto da loro, hanno fatto davvero molto bene il loro lavoro” ha dichiarato l’onorevole, come da intervista dell’Agenzia Vista.

Ovviamente la preoccupazione della politica era rivolta a sua figlia: Ringrazio Forze dell’Ordine, ero preoccupata per mia figlia”. 

Preoccupazione per la piccola

Pare infatti che questo stalker fosse particolarmente interessato alla figlia della Meloni: “La cosa che mi ha preoccupato di questa vicenda non è tanto di avere uno stalker io, ma l’attenzione ossessiva di questa persona verso mia figlia.

E’ una cosa che mi ha preoccupato, ma gli inquirenti sono stati bravissimi perché sono stati tempestivi, quindi ovviamente grazie a loro per il lavoro che stanno facendo. Mi sento molto tranquilla ad avere servitori dello Stato e persone che sono così presenti sulle dinamiche, mi pare davvero un lavoro ben fatto”.