volante dei carabinieri

Di queste ore la tragica notizia che arriva dalla provincia di Bari, precisamente da Acquaviva delle Fonti. Una donna di 29 anni è stata colta in flagranza di reato, come riporta Ansa, poco dopo aver accoltellato a morte il marito.

Il litigio con l’ormai ex marito

La violenza non conosce genere. Di questa mattina una drammatica notizia che riguarda ancora una volta un omicidio consumato tra le mura di casa, tra coniugi. Ancora una volta, un caso di separazione non consensuale, mai accettata da una delle due parti. A non condividere la scelta era la moglie dell’uomo, una donna di 29 anni che di fronte alla fine della relazione e alla nuova relazione dell’ormai ex con un’altra donna, in preda all’ira ha ferito mortalmente il marito.

La lite e l’accoltellamento

Tutto ha avuto luogo nelle mura domestiche, all’interno di una stabile in cui entrambi vivevano da separati ad Acquaviva delle Fonti, in provincia di Bari, ma in due abitazioni ubicate a piani diversi. Un litigio a monte di tutto, a cui hanno presenziato anche i familiari. Dopo la separazione, Francesco Armigero, viveva da qualche tempo nella propria abitazione con la nuova compagna, probabile motivo dell’ennesima lite.

Al termine dell’acceso e già di per sé violento diverbio, la 29enne impugnando un coltello avrebbe sferrato all’ormai ex marito una sola coltellata che gli è stata però fatale.

Arrestata, confessa durante l’interrogatorio

I carabinieri, giunti sul luogo immediatamente dopo la chiamata dei familiari presenti, hanno fermato ed arrestato la 29enne, colta in flagranza di reato. Sottoposta ad interrogatorio, la donna nella notte ha confessato l’omicidio del marito. L’uomo, che non è morto sul colpo, è stato trasferito all’ospedale Miulli con la speranza di salvarlo ma giunto in ospedale, è deceduto poco dopo.

Al momento la donna, arrestata, è accusata di omicidio volontario.