piscina gonfiabile

Stava facendo il bagno a casa sua, nella sua piscina gonfiabile: ora rischia di morire, perché in quella stessa piscina è quasi annegato. È terribile quanto è accaduto il 1 agosto a Torre del Lago, in provincia di Lucca, a un bimbo di 2 anni e mezzo.

Un momento fatale di distrazione?

Quel giorno, in quel momento, in acqua c’erano 3 bambini a giocare: il piccolo di 2 anni, il cuginetto e il fratellino. non si sa bene cosa sia accaduto, ma forse in un momento di distrazione gli alti due bambini sono stati fatti uscire mentre lui è rientrato nella piscina.

Nessuno si è accorto dei suoi movimenti, finché non hanno visto il piccolo privo di sensi nell’acqua. 

I soccorsi sono stati velocissimi

È stato immediatamente chiamato il 118 ed i soccorsi sono stati fulminei ma il piccolo è purtroppo andato in arresto cardiaco. I paramedici hanno provveduto a fare un tentativo di rianimazione sul posto del bambino, per poi trasferirlo in ospedale con l’elisoccorso. il piccolo si trova all’ora pediatrico di Massa Carrara.

Al momento pare che il piccolo non abbia ripreso conoscenza e sia invece attaccato alle macchine che gli permettono di sopravvivere.

Le indagini stanno procedendo al fine di comprendere cosa sia accaduto con precisione durante quella nuotata in piscina.

Annegamenti: ridurre il rischio è possibile

Non sono purtroppo infrequenti i casi di annegamenti nei bambini tra gli 1 e i 4 anni. Ci sono alcuni comportamenti che però, di norma, possono ridurre il rischio di tragici incidenti. 

È estremamente importante, ad esempio, non lasciare mai incustoditi contenitori d’acqua come vaschette e bacinelle (per un bambino di un anno è possibile negare anche in 15 centimetri d’acqua).

 

Occorre inoltre evitare che i bambini facciano tuffi o acrobazie in acque basse senza che vi sia un adulto pronto ad intervenire immediatamente: un colpo alla testa può causare una perdita dei sensi e una conseguente tragedia che avrebbe potuto essere evitata. Occorre inoltre insegnare fin da subito ai bambini le regole fondamentali del gioco in acqua, e dei pericoli che si corrono se si mettono i propri compagni di gioco in una situazione di pericolo.