Polizia

Un uomo di 61 anni è stato arrestato ieri mattina a Torino per aver aggredito il suo vicino di casa con la candeggina. Non sopportava la musica ad alto volume che il giovane ascoltava la notte e ha deciso di vendicarsi in maniera terribile. Fortunatamente la vittima è riuscita a coprirsi il volto.

L’aggressione con la candeggina

Come ogni mattina nel quartiere Aurora, a Torino, anche ieri un ragazzo è uscito dal palazzo dove vive per andare a lavorare. Fuori ad attenderlo, però, c’era il suo vicino 61enne. L’uomo si è appostato dietro una macchina aspettando il giovane, non appena questi è uscito dal portone si è scagliato contro di lui aggredendolo.

Aveva in mano una bottiglietta piena di candeggina con la quale ha provato a colpire la vittima. Voleva vendicarsi perché stanco della musica che ogni giorno arrivava dal piano di sotto dove vivono i vicini.

Le minacce pregresse

Tutte le notti sopportava la musica ad alto volume che arrivava dalla casa sotto la sua. Anche la notte tra l’1 e il 2 agosto, l’ennesima, era trascorsa con lo stereo nelle orecchie.

Più volte aveva avvertito i vicini, nell’arco di due anni li aveva minacciati, finché non ha pianificato la sua vendetta. Appena il giovane è uscito di casa gli ha lanciato la sostanza pericolosa cercando di colpirlo al viso. Fortunatamente il ragazzo è riuscito a coprirsi con le mani, il contatto con la candeggina, però, gli ha provocato delle lacerazioni sul braccio.

Le indagini e l’arresto del 61enne

La polizia, avvertita, è immediatamente giunta sul posto e ha ricostruito quanto accaduto. Secondo le prime indagini durante i due anni vi era stata un’escalation di persecuzioni nei confronti dei vicini.

Il 61enne era arrivato anche a minacciarli di morte. Il giovane aggredito ha raccontato agli investigatori anche di un episodio in cui il vicino di casa avrebbe urinato sulla porta del suo appartamento. I poliziotti del commissariato Centro di Torino hanno arrestato ieri mattina l’uomo per il reato di atti persecutori, ponendo fine all’incubo dei suoi vicini. Gli agenti hanno trovato la bottiglietta di plastica dentro la quale era contenuta la candeggina.