lancia-frigo-scogliera-multato-licenziato-reato-ambientale

C’è chi si diverte con i modi più assurdi e insensati, ma a volte questi costano caro. Lo sa bene un giovane spagnolo, che insieme ad un amico hanno avuto la bella idea di riprendersi mentre gettavano un vecchio frigorifero da una scogliera. Nel video divenuto virale ridono di gusto, fanno battute e deridono gli ecologisti dicendo cose come “ecco come ricicliamo”. Nel mentre, il vecchio elettrodomestico rotola per metri in mezzo alla terra e al verde di un monte ad Almeria, nel sud della Spagna. Ma il loro “scherzo” alla fine gli si è ritorto contro: identificati grazie al video, si son beccati una multa di 45mila euro per reato ambientale.

Oltre alla multa, ha messo nei guai l’azienda per cui lavora(va)

La Guardia Civile spagnola ha infatti fatto sapere che il giovane ripreso nel video, identificato dal volto e dalla targa del furgone in bella vista, è stato costretto a recuperare il frigorifero e a smaltirlo correttamente. Ma questo è solo l’inizio. Quel lancio ha infatti avviato una reazione a catena di conseguenze negative per lui e non solo.

Dopo la diffusione dei video (ne è sbucato fuori un altro dove lancia, alla stessa maniera, una lavatrice), l’azienda per cui lavora lo ha licenziato. Ma anche la stessa azienda, che si occupa di vendita e ritiro di elettrodomestici, è finita nei guai. Perché investigando sul giovane incivile, la Guardia Civile ha scoperto che l’azienda immagazzina e smaltisce illegalmente decine di lavatrici e frigoriferi.

Multe salatissime per tutelare l’ambiente da queste inciviltà

Mario, questo il nome del giovane protagonista, ha quindi ricevuto una multa giustamente salatissima per il suo danno ambientale: 45mila euro.

L’azienda per cui lavorava, invece, ne rischia una di addirittura 300mila per le sue irregolarità di conservazione e smaltimento di elettrodomestici. La Guardia Civile ha scoperto una cinquantina di lavatrici e frigoriferi in mezzo alla vegetazione. Questa volta, diventare virali online non è stato così divertente per Mario e l’amico. Ma per l’ambiente e per la sua tutela, questa storia ha avuto un lieto fine.