una scena del commissario montalbano

È morto Alberto Sironi il regista del Commissario Montalbano, a 79 anni. Il padre televisivo della creatura partorita dallo scrittore Andrea Camilleri, deceduto il 17 luglio scorso, aveva personalmente scelto l’attore Luca Zingaretti per quel ruolo tanto iconico.

Addio ad Alberto Sironi

Alberto Sironi era originario di Busto Arsizio, in provincia di Varese, e si era innamorato della Sicilia dirigendo il Commissario Montalbano, a partire dalla fine degli anni ’90. A repubblica aveva raccontato: “Sono legato alle mie origini ma qui mi sento a casa, tra la gente per strada o nelle trattorie, quando incontro i contadini e le maestranze locali“.

Era stato proprio lui a scegliere Luca Zingaretti per il ruolo del Commissario Montalbano. Una scelta all’inizio non apprezzata dallo scrittore che aveva partorito il personaggio, Andrea Camilleri. Aveva anche raccontato che l’immenso scrittore conosceva già l’attore che poi avrebbe reso ancor più celebre il Commissario: “Lo conosceva perché era stato suo allievo all’accademia Silvio D’Amico ma quando gli dissi della mia scelta sbottò: ‘Io lo avevo immaginato diverso, ho scritto un’altra cosa’”.

La carriera del padre televisivo di Montalbano

Il Commissario Montalbano è così rimasto “orfano” in meno di un mese del suo padre intellettuale, Andrea Camilleri, scomparso lo scorso 17 luglio, e del suo padre televisivo, Alberto Sironi, deceduto oggi.

Ma, dal punto di vista artistico, il regista si era formato al Piccolo Teatro di Milano. A partire dagli anni ’70 aveva iniziato a lavorare in Rai, occupandosi di sport e collaborando con Beppe Viola.

Nel 1978 era iniziata la sua attività di regista, dirigendo e facendo da sceneggiatore a due serie televisive tratte dalla raccolta di racconti gialli I centodelitti di Giorgio Scerbanenco.

È sempre lui a dirigere nel 1995 la serie dedicata al campione di ciclismo Fausto Coppi, Il grande Fausto. Era un regista e sceneggiatore eclettico, infatti aveva anche scritto e diretto alcuni sceneggiati radiofonici, durante gli anni ’90.