mani di medico con siringa

La prima terapia anti-cancro Car-T disponibile in Italia sarà rimborsabile. Lo ha stabilito l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), spiegando che si tratta di una nuova frontiera nel trattamento dei tumori ematologici. Si chiama Kymriah, è basata sulle cellule Chimeric Antigen Receptor T-cell e potrà essere somministrata in centri individuati dalle Regioni.

I destinatari della terapia

La terapia anti-cancro Car-T è rivolta a pazienti adulti affetti da linfoma diffuso a grandi cellule B (Dlbcl) che abbiano manifestato resistenza ad altre terapie o a soggetti in cui la patologia è ricomparsa in seguito a una prima risposta al trattamento standard.

Tra i potenziali destinatari anche giovani fino a 25 anni di età affetti da leucemia linfoblastica acuta (Lla) a cellule B.

Il nome è Kymriah (tisagenlecleucel), e costituisce uno degli approcci di ultima generazione a questo genere di malattie dal punto di vista immunoterapico.

Potrà essere somministrata a 30-40 pazienti pediatrici e a circa 500 adulti“, ha dichiarato ad Adnkronos Salute Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità e direttore del Dipartimento di oncoematologia pediatrica, terapia cellulare e genica dell’ospedale Bambino Gesù di Roma.

Si tratta di un importante passo per il trattamento dei tumori del sangue in Italia, ma come funziona?

Il funzionamento della terapia Car-T

Le terapie Car-T usano i globuli bianchi prelevati dal paziente (linfociti T) che vengono poi ingegnerizzati per fungere da catalizzatori del sistema immunitario. Reinfusi, infatti, tornano in circolo andando a individuare le cellule tumorali per annientarle.

Il via libera di Aifa alla rimborsabilità, dunque anche alla disponibilità della terapia in oggetto, garantisce l’accesso a questi trattamenti salvavita all’esito di “una negoziazione contrassegnata da uno spirito di responsabile collaborazione con l’azienda“.

L’altra buona notizia è che i tempi di distribuzione dovrebbero essere relativamente brevi: la nuova terapia anti-cancro, infatti, potrebbe essere disponibile già dal prossimo settembre.