Monica Lewinsky

La storia di Monica Lewinsky diventerà una serie tv in onda sulla rete televisiva americana FX. Lo scandalo che rischiò di porre fine alla presidenza Clinton, ormai 21 anni fa, sarà al centro della terza stagione di American Crime Story, il fortunato programma che racconta alcuni dei casi giudiziari più famosi d’oltreoceano. La notizia sta creando varie polemiche e perplessità, sopratutto per la data di possibile messa in onda, a settembre 2020, a poca distanza dalle prossime elezioni presidenziali negli Stati Uniti.

Ispirata da un bestseller

La nuova stagione sarà co-prodotta dalla stessa Lewinsky insieme a Ryan Murphy, che già aveva firmato le precedenti due dedicate al caso O.

J. Simpson e all’omicidio di Gianni Versace. Ispirata al libro bestseller di Jeffrey Toobin del 1999, intitolato A Vast Conspiracy: The Real Story of the Sex Scandal That Nearly Brought Down a President, la serie racconterà quel fatidico periodo a cavallo tra 1995 e 1998, quando l’allora presidente degli Stati Uniti Bill Clinton intrattenne una relazione extraconiugale con la Lewinsky, stagista alla Casa Bianca.

Etichettata come una donna di facili costumi

Lo scandalo che ne derivò portò all’impeachment del presidente, ma finì per causare non pochi guai anche alla Lewinsky, che venne etichettata come una donna di facili costumi.

Una nomea che, come lei stessa ha ammesso in questi anni, le ha reso la vita molto difficile e che l’ha spinta a raccontare la sua versione dei fatti: “La gente si è appropriata e ha raccontato la mia parte in questa storia per decenni – ha spiegato a Vanity FairIn effetti, è stato solo negli ultimi anni che ho potuto dire compiutamente la mia, quasi 20 anni dopo”.

Lewinsky e il movimento Me Too

Dopo l’esplosione del movimento Me Too, la sua vicenda è ritornata di scottante attualità, perché parla di uomini e di potere: “Questo non è solo un mio problema – racconta – Le persone potenti, spesso uomini, approfittano di coloro che sono subordinati a loro in una miriade di modi in ogni momento”.

Un dibattito che è destinato a continuare anche in futuro, visto che la data di prevista messa in onda della serie dovrebbe cadere proprio a ridosso delle elezioni presidenziali americane.

(Immagine in alto: Twitter/MonicaLewinsky)