volante dei carabinieri

Non è riuscita più a tacere dinanzi alle ripetute vessazioni e violenze del nipote che da tempo infliggeva a lei ma anche i suoi stessi genitori. È stato così che una nonna di 77 anni nell’Anconetano ha deciso, a poche ore da Ferragosto, di chiamare i Carabinieri sporgendo denuncia contro il nipote 27enne, da tempo aggressivo e brutale nei confronti dei suoi familiari.

Un trascorso di maltrattamenti familiari

Di fronte all’ennesima violenza, la nonna ha deciso di denunciarlo sapendo quali sarebbero state le conseguenze. L’ultimo atto di una storia di violenze è avvenuto il 14 agosto scorso, quando la nonna ha chiamato i Carabinieri chiedendo di intervenire.

Gli agenti, non sconosciuti al caso, da tempo seguivano gli eventi familiari in quel di Falconara Marittima, in provincia di Ancona.

Minacce e aggressioni a genitori e nonna

Il ragazzo, un 27enne senza occupazione che da tempo viveva a carico dei soldi sia dei genitori che della nonna, risulta avere anche dei precedenti quali spaccio di sostanze stupefacenti e reati contro la persona. Dopo le continue minacce e le violenze, la nonna materna ha chiamato i Carabinieri a cui ha raccontato quanto avvenuto nel maggio scorso quando il ragazzo, in preda alla collera, la afferrò dal collo per poi darle una testata sul mento.

Attesa l’udienza per la convalida dell’arresto

Anche dopo la chiamata ai Carabinieri, di fronte agli agenti, il 27enne si è rivoltato contro la nonna 77enne, minacciandola ancora una volta e di morte: “Tu sei una morta che cammina“. Dopo essere intervenuti, gli inquirenti hanno fermato ed arrestato il 27enne che è stato trasferito in carcere con l’accusa di maltrattamenti in famiglia e nell’odierna giornata è attesa la prima udienza per la convalida dell’arresto.