Nadia Toffa

La morte della nonna materna di Nadia Toffa, Maria Cocchi, è arrivata a pochi giorni dai funerali della nipote che hanno commosso l’Italia. L’anziana donna, 97 anni, si è spenta dopo la prematura scomparsa della conduttrice de Le Iene, e sui social è una pioggia incessante di messaggi di cordoglio. Tra i post apparsi nelle ultime ore su Instagram, spiccano le parole toccanti della Iena Pablo Trincia, che ha voluto far sentire la sua vicinanza con uno struggente post.

Il post di Pablo Trincia sui social

La notizia della morte di Maria Cocchi, nonna materna di Nadia Toffa, ha scosso i fan della giornalista anche perché avvenuta pochi giorni dopo quella dell’adorata nipote.

Nadia Toffa si è spenta lo scorso 13 agosto, e i funerali della nonna sono stati celebrati una settimana più tardi, il 20. Tra i tantissimi messaggi di cordoglio spicca quello di Pablo Trincia, che ha affidato al suo profilo Instagram una riflessione su quanto accaduto.

Ho letto che ci ha appena lasciati anche la nonna di Nadia, la signora Maria Cocchi. Dolore che si aggiunge al dolore.

Spero che si siano ritrovate. Un forte abbraccio alla famiglia da parte di tutti noi“.

La speranza espressa dal giornalista è stata condivisa dai suoi follower, che hanno accolto le sue parole con grande affetto. Nadia, figlia della figlia Margherita, è una dei 5 nipoti di Maria Cocchi, che dal marito Enrico ha avuto 3 figlie.

Il messaggio dopo la morte di Nadia Toffa

Trincia aveva già condiviso con il suo pubblico un dolcissimo ritratto della collega scomparsa, con un post in cui è impresso il suo timido ma determinato esordio a Le Iene.

Visualizza questo post su Instagram

Nadia era una collega davvero in gamba, con una forza di volontà pazzesca. Ricordo quando era appena arrivata da noi. Faceva tutti i giorni avanti e indietro tra Cologno e Brescia, stava in redazione fino a tardi, sempre a studiare o a telefonare. Ho in mente questa immagine di lei seduta all’ultima scrivania libera dell’ultima stanza in fondo alla redazione. Sarà stato il 2009. Ha fatto parecchio fatica, il suo primo anno, a mandare in onda i suoi servizi. La gavetta alle Iene può essere tosta. Pochi resistono. Lei però è stata determinata. Ci ha creduto. Ci ha messo corpo e anima. Non ci ho mai lavorato assieme (eravamo entrambi inviati, quindi con vite parallele), ma i colleghi autori con cui giravamo mi raccontavano di quanto fosse tenace. Lo dico ai più giovani: se volete avere successo nella vita, vi serve QUELLA carica. QUELLA determinazione. QUELLA voglia. Ciao Nadia ❤️ Buon viaggio.

Un post condiviso da Pablo Trincia (@pablotrincia) in data:

Ricordo quando era appena arrivata da noi. Faceva tutti i giorni avanti e indietro tra Cologno e Brescia, stava in redazione fino a tardi, sempre a studiare o a telefonare. Ho in mente questa immagine di lei seduta all’ultima scrivania libera dell’ultima stanza in fondo alla redazione…”.

*immagine in alto: fonte/Instagram Nadia Toffa, dimensioni modificate