ezio bosso

Il direttore d’orchestra e musicista Ezio Bosso ha annunciato di non essere più in grado di suonare. La rivelazione durante la Fiera del Levante che sta avendo luogo a Bari, dove il maestro ha presenziato a un’incontro dedicato alla musica. Purtroppo, il vincitore del David di Donatello per le composizioni del film Io non ho paura a causa di una malattia degenerativa non può più suonare uno strumento. Bosso non ha escluso che, qualora la sua malattia glielo rendesse impossibile, dovrà dire addio anche alla direzione d’orchestra.

Ezio Bosso annuncia di non poter più suonare

Il maestro Ezio Bosso, 48 anni compiuti appena due giorni fa, ha comunicato la dolorosa notizia: “Se mi volete bene, smettete di chiedermi di mettermi al pianoforte e suonare.

Non sapete la sofferenza che mi provoca questo, perché non posso, ho due dita che non rispondono più bene e non posso dare alla musica abbastanza“. Una notizia che ha colpito molto i tanti fan del direttore d’orchestra, il quale ha aggiunto: “Quando saprò di non riuscire più a gestire un’orchestra, smetterò anche di dirigere“.

I successi di una vita dedicata alla musica

Ezio Bosso è uno dei più noti direttori d’orchestra italiani, sia per la sua prolifica collaborazione con istituzioni del panorama artistico e musicale mondiale, come il New York City Ballet e il Royal Opera House, sia per l’ampia diffusione delle sue opere, eseguite anche sul palco di Sanremo nel 2016.

Il musicista ha però messo in chiaro che il successo in campo musicale non è solo questione di doni innati, ma anche e soprattutto di studio: “Il musicista non lo si diventa solo per talento, a un certo punto, soprattutto chi ce l’ha, lo deve dimenticare e fare spazio al lavoro quotidiano, alla disciplina“, ha commentato. Fortissima per lui l’importanza della musica come linguaggio universale in grado di unire: “Permette a tutti di parlarsi e fare comunità a prescindere dal luogo di provenienza“.