Teresa Cilia e Salvatore Di Carlo

La bagarre tra Teresa Cilia e Uomini e Donne è ancora lontana dal risolversi: l’ultimo terreno di scontro è il motivo del suo licenziamento. Tra le righe del discorso di Maria De Filippi in studio, quando ha parlato di una persona che avrebbe lasciato il lavoro nel format per un mancato aumento, qualcuno ha intravisto una frecciatina alla ragazza. A detta dell’ex tronista, intervenuta a smentire la voce con alcune Stories, l’addio alla trasmissione sarebbe legato alla diagnosi di tumore. Si tratta dell’ennesimo capitolo, probabilmente non il conclusivo, dopo il rovente scontro con Raffaella Mennoia (pronta alla querela).

Gli antefatti nelle anticipazioni di U&D

Teresa Cilia torna a parlare di Uomini e Donne dopo un’estate carica di accuse all’indirizzo di Raffaella Mennoia, con la quale ha intrapreso una guerra social senza sconti (con alcuni risvolti di tipo legale all’orizzonte).

Stavolta, il ‘casus belli’ è una presunta frecciatina di Maria De Filippi, nata in seno alla registrazione di una puntata del format.

Stando alle anticipazioni de Il Vicolo delle News, la conduttrice avrebbe sferrato un colpo in sordina, citando – senza fare il nome – una persona che che avrebbe trovato lavoro nel dating show salvo poi dire addio licenziandosi. Il motivo? Un mancato aumento dello stipendio.

Ma come è stato possibile associare il nome di Teresa Cilia al discorso della padrona di casa? Il riferimento, secondo molti spettatori, sarebbe evidente perché Maria Dee Filippi avrebbe presentato questa persona come un “leone da tastiera” che ha lasciato il programma per poi accusare un volto importante della redazione (Raffaella Mennoia?).

Teresa Cilia interviene: “Sono schifata”

Sentendosi tirata in ballo, Teresa Cilia ha deciso di chiarire alcuni aspetti del suo licenziamento. Con le sue Instagram Stories ha scelto di dire la sua verità al pubblico, smentendo l’ipotesi di un suo addio dettato da cause economiche.

A motivare la sua uscita di scena dal dating show sarebbe stata la diagnosi di tumore.

Ho letto un po’ di cose. Ancora una volta è uscito il mio nome. Io non rifiuto mai un lavoro e accetto tutto. Nella mia vita ho fatto qualsiasi lavoro, dai lavori umili ai più belli. (…) Lasciamo stare poi le promesse fatte e non mantenute. Purtroppo ho dovuto rinunciare e mi sono rimboccata le maniche in Sicilia. Ho cercato lavoro per molto e adesso l’ho trovato“.

La ragione del suo addio a Roma e al lavoro che aveva, dunque, sarebbe legata a problemi di salute insorti nuovamente nel 2016, un anno dopo la scoperta del cancro. Una diagnosi di recidiva poi rivelatasi errata, ma comunque capace di dettare le priorità nella sua vita di allora.

20 giorni prima di sposarmi ero consapevole che avrei affrontato di nuovo delle cure devastanti e non stavo per niente bene. I medici mi hanno consigliato di rilassarmi, di stare in famiglia e di non stressarmi. Questa è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso, lo sapevamo solo io, mio marito e le nostre famiglie. Fortunatamente c’era un errore nella risonanza: a distanza di un mese è emerso che non c’era nulla“.

Ha poi concluso dicendosi “schifata”, senza approfondire ulteriori argomenti che gravitano intorno alla querelle.

*immagine in alto: fonte/Instagram Teresa Cilia, dimensioni modificate