Giovane professore ha un infarto davanti ai suoi studenti (Immagine di repertorio)

Mattina movimentata quella di ieri per una classe di studenti. Uno dei loro professori infatti, un giovane 31enne, ha portato ragazzi e ragazze a Milano in gita, ma ha avuto un improvviso malore. Un infarto durante la lezione in un parco, così l’uomo si è accasciato a terra davanti ai suoi giovani studenti. Fortunatamente, i ragazzi hanno chiamato immediatamente i soccorsi e una di loro, seguendo le istruzioni al telefono del 118, lo ha rianimato. Ora si trova in prognosi riservata al San Raffaele. Le sue condizioni restano tuttavia ancora preoccupanti.

La gita al parco e il malore improvviso

Lo sfortunato protagonista della vicenda non è ancora fuori pericolo di vita, scrive Milano Today, sebbene l’intervento dei suoi alunni sia stato tempestivo e fondamentale. Specie quello di una giovane ragazza che, al telefono con il 118, ha eseguito alla lettera le istruzioni dei soccorritori. Dopo aver effettuato le prime manovre di rianimazione cardio polmonare, i soccorsi son giunti sul posto e hanno trasportato d’urgenza il professore all’ospedale San Raffaele. Qua i medici l’hanno sottoposto ad un trattamento con l’Ecmo, la macchina per la circolazione extracorporea.

Infine, riporta sempre Milano Today, i paramedici del 118 hanno soccorso anche un bambino di 9 anni. Dopo aver assistito alla triste scena del professore accasciatosi a terra, il piccolo si è sentito male.

Salvato dal sangue freddo dei suoi studenti

Tutto è successo a Milano, attorno alle 10 del mattino di venerdì 27 settembre, nel parco tra via Don Giovanni Calabria e via Pusiano. La scolaresca di un istituto superiore era in gita, quando una tranquilla mattinata è stata scombussolata dal malore improvviso del docente.

Tuttavia, come sottolinea Il Corriere della Sera, il sangue freddo e la rapidità d’azione dei suoi studenti hanno evitato il peggio. Dal 118, son giunte le lodi per la calma quasi professionistica con cui i ragazzi hanno gestito la difficile situazione prima dell’arrivo dei soccorsi.