annalisa minetti

Annalisa Minetti è stata ospite di Storie Italiane e si è raccontata ai microfoni di Eleonora Daniele. In particolare, la cantante ha ricordato l’importanza che ha avuto per la sua carriera il concorso di Miss Italia a cui partecipò nel 1997. Poi, Annalisa Minetti ha parlato del dolore e del valore della resilienza, ponendo l’accento su quanto l’ha aiutata nella sua vita a reagire alla sofferenza.

Miss Italia: il trampolino di lancio di Annalisa Minetti

Annalisa Minetti non esita a dire che per lei partecipare nel 1997 a Miss Italia rappresentò un trampolino di lancio.

L’anno dopo, nel 1998, infatti, Annalisa Minetti si trovò poi sul palco del Festival di Sanremo a interpretare il brano Senza te o con te, con il quale trionfò. La cantante ha rivelato a Eleonora Daniele: “A Miss Italia è iniziato il percorso che mi ha permesso poi di raccontare che la mia voglia reale era quella di andare a Sanremo e quindi a cantare“.

Annalisa Minetti e la cecità

Annalisa Minetti ha riferito di andare spesso nelle scuole a parlare agli studenti per sottolineare quanto sia fondamentale che i giovani affrontino il disagio, il dolore perché fa parte della vita.

La cantante ha raccontato: “Il disagio non è una cosa che non accadrà mai, non dobbiamo difendere i nostri figli dal disagio dobbiamo permettergli di conoscerlo, toccarlo e saperlo affrontare“.

Per far in modo che il suo discorso venisse compreso a fondo, Annalisa Minetti ha poi raccontato un episodio della sua vita: “Quando ho detto a mio papà ‘perché proprio a me?’, lui mi ha risposto ‘perché non a te’. In questo modo mi ha dato la possibilità di toccare con mano il dolore, lasciarmi dilaniare da questo per poi potermi rialzare“.

Questa capacità di andare a fondo per poi risalire è stata lodata da Annalisa Minetti che ha specificato: “Si chiama resilienza e dovrebbe essere una materia didattica“.