raimondo etro

Si arricchisce di un altro capitolo la polemica che ha travolto la legge sul reddito di cittadinanza approvata dal precedente governo gialloverde che permette all’ex brigatista Federica Saraceni, agli arresti domiciliari per l’assassinio del professor Massimo D’Antona avvenuto il 20 maggio 1999, di percepire un assegno di 623 euro. Al centro dell’attenzione questa volta c’è un altro ex brigatista che rivendica di riceverlo, Raimondo Etro. Ieri, l’uomo ha parlato ai microfoni de La Zanzara di Radio 24 dicendosi di non sentirsi a disagio nel percepirlo. Entrambi hanno ottenuto il sussidio perché non condannati in via definitiva nei 10 anni precedenti la richiesta del reddito stesso.

Raimondo Etro: “Possono inca*****i quanto vogliono

Raimondo Etro è stato condannato nel 1998 a 20 anni e 6 mesi di reclusione per aver preso parte al sequestro di Aldo Moro insieme ad altri brigatisti. Ora, l’ex Br percepisce 780 euro di reddito di cittadinanza. Raimondo Etro non capisce il motivo per cui si stanno sollevando polemiche sul fatto che lui e altri condannati stiano percependo questo sussidio.

Etro ha dichiarato: “Non capisco quale sia il problema. Per me possono inca*****i quanto vogliono, ma se uno ha diritto ha diritto“.

L’ex brigatista poi risponde a Giuseppe Cruciani che gli chiede se non si senta a disagio a percepire soldi dallo Stato che ha combattuto per un certo periodo: “Ti faccio una domanda: dovevo andare a fare le rapine?“.

Mi metto a fare le rapine così siete più contenti

Il conduttore radiofonico Giuseppe Cruciani ha poi chiesto un commento all’ex brigatista in merito alle polemiche sollevate dalla notizia sul fatto che il reddito di cittadinanza venga percepito da Federica Saraceni.

In molti si sono espressi in merito definendo “una vergogna” la cosa, fa notare il conduttore radiofonico. Anche la vedova di Massimo D’Antona, Olga, ha detto di essersi sentita cogliere da “stupore e turbamento“. L’ex brigatista ha replicato dicendo: “Questo è un problema loro. Sinceramente, non ho mai avuto rapporti con i familiari delle vittime“.

Poi, ha ripetuto: “Può dire così: rinuncio al reddito di cittadinanza e mi metto a fare le rapine così siete più contenti“. Raimondo Etro ha poi fatto intendere che non troverebbe lavoro e, di fronte alla replica di Cruciani che gli ha fatto notare che ci sono molti ex carcerati che lavorano, l’ex brigatista ha detto: “Tu mi stai rompendo il ca**o.

(…) Io non so neanche chi ca**o sei“. Raimondo Etro alla fine conclude dicendo che non si sente affatto in disagio a percepire il reddito di cittadinanza: “No, non mi frega un ca**o, non mi sento a disagio”.