Tina Rispoli Tony Colombo

Continuano le indagini sulle nozze ‘trash’ tra il cantante neomelodico Tony Colombo e la vedova del boss Marino, Tina Rispoli. Secondo quanto riportato da Repubblica, ci sarebbero 8 indagati nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Napoli sul concerto organizzato dallo sposo in piazza del Plebiscito alla vigilia del matrimonio, evento che aveva paralizzato il traffico cittadino nel marzo scorso. Tra questi figurerebbe Claudio de Magistris, fratello del sindaco di Napoli che ha affidato a una nota – diffusa dall’Ansa – il suo commento sulla vicenda.

8 indagati nell’inchiesta sulle nozze di Tony Colombo

Claudio de Magistris, fratello del sindaco di Napoli Luigi de Magistris, sarebbe tra gli 8 indagati dalla Procura nell’ambito dell’inchiesta sulle nozze del cantante neomelodico siciliano Tony Colombo.

Nello specifico, secondo quanto riportato da Repubblica, le indagini verterebbero sul concerto organizzato in piazza del Plebiscito alla vigilia del suo matrimonio con Tina Rispoli, vedova del boss Gaetano Marino. I fatti risalgono al marzo scorso e quell’evento, classificato come ‘flash mob’, avrebbe di fatto paralizzato il cuore della città.

Secondo quanto riportato da Adnkronos, agli atti risulterebbe che la richiesta per lo svolgimento dell’evento sarebbe da intendersi per una durata dalle 18.30 alle 23, circostanza che, secondo l’accusa, ne avrebbe annullato “la natura estemporanea”.

Stando alla ricostruzione fatta dagli inquirenti, la manifestazione di carattere musicale si sarebbe quindi svolta senza le dovute autorizzazioni.

Tra gli indagati ci sarebbero anche due ufficiali della Polizia municipale, tre vigili urbani, una dipendente comunale e una staffista della segreteria del sindaco. I reati ipotizzati sono, a vario titolo, concorso in abuso d’ufficio e omissione di atti d’ufficio.

Le parole del sindaco de Magistris

Poche ore dopo la pubblicazione della notizia che riguarda il fratello su vari organi di stampa, il sindaco de Magistris ha espresso la sua posizione sulla vicenda, come riportato da Ansa.

In questa vicenda surreale sono estraneo e danneggiato. Sono convinto che gli indagati evidenzieranno la correttezza del loro operato a dimostrazione della trasparenza e della legalità con cui il Comune ha sempre lavorato in questi otto anni“.

Il primo cittadino ha parlato di “fango” gettato sulla sua persona per un caso che ha fatto scalpore e ha inondato le cronache per mesi.

Migliaia le persone accorse per assistere alla ‘parata’ nuziale che aveva scatenato il caos.

*immagine in alto: fonte/Instagram Tony Colombo, dimensioni modificate