barbara e fabrizio

Si inaspriscono i toni tra Fabrizio Corona e Barbara D’Urso. Carmelita, infatti, non ha nessuna intenzione di restare in silenzio di fronte alle minacce di querela da parte del Re dei Paparazzi.

Così, dopo la pubblicazione della volontà di procedere legalmente da parte dell’avvocato di Corona Ivano Chiesa, che al momento si trova ancora nel carcere di San Vittore, anche la conduttrice, nel corso del suo programma Pomeriggio 5, ha risposto in diretta.

La reazione di Barbara

Chi conosce i precedenti si sta già chiedendo: Fabrzio e Barbara si scontreranno presto in tribunale?

La D’Urso però tiene a mettere in chiaro di essere in regola con la diffusione delle immagini.Il legale di Fabrizio Corona e la società Atena che ne gestisce i diritti di immagine ci hanno chiesto di specificare che sono estranei alla diffusione delle sequenze che sono state trasmesse durante la puntata di Live del 22 settembre” ha esordito la D’Urso nel corso della trasmissione.

Nella voce della D’Urso la sicurezza di chi ha proceduto con cautela, tenendo conto di tutte le eventualità del caso. “Circostanza che possiamo confermare trattandosi di immagini di un evento di beneficenza liberamente documentabili dai numerosi presenti che hanno assistito all’evento” ha quindi concluso Carmelita.

Cosa è accaduto

Di quali immagini sta parlando Barbara? Qual è questo video diffuso dal suo talk che ha infastidito Corona? Sì tratta del video mandato in onda su Canale 5 durante la puntata del 22 settembre di Live-Non È La D’Urso, in cui è stata documenta una partita di calcetto come iniziativa di beneficenza all’interno del carcere di San Vittore, alla quale ha preso parte anche Corona.

Quello che appare in video è un Fabrizio provato, che ha perso la grinta e lo smalto di un tempo. Eppure, dopo aver saputo della diffusione di queste immagini non ha esitato ad affermare che la loro divulgazione non è mai stata autorizzata né da lui, né da un suo rappresentante. È stato Ivano Chiesa, legale di Corona ad informare su Instagram dell’intenzione del suo cliente a procedere per vie legali contro la nota presentatrice.