Valeria Graci

La popolare imitatrice e comica televisiva Valeria Graci è tornata a parlare dei suoi problemi di salute. Le complicazioni del parto le avevano causato diversi problemi che l’hanno messa in serio pericolo.

I problemi dopo il parto

Valeria Graci sta vivendo un periodo professionale molto proficuo. Dopo gli anni al fianco di Katia Follesa a Zelig, la comica adesso si divide tra le imitazioni per Striscia la notizia e la co-conduzione di Io e Te con Pierluigi Diaco (dove ha imitato anche la “sorella” di Elisa Isoardi). Ma il passato non è stato per Valeria Graci, che dopo la nascita del figlio nel 2011 ha avuto seri problemi di salute.


È tornata a parlare in un’intervista al settimana NuovoTV: dopo il parto, la Graci ha sofferto di ipertiroidismo, abbassamento della vista e dell’udito. Le è stata quindi diagnosticata una otosclerosi bilaterale, ossia la crescita di tessuto osseo attorno alla staffa dell’orecchio. Valeria Graci ha dichiarato che a causa di questo problema la notte non sentiva piangere il figlio e che si è reso necessario anche un intervento chirurgico.

Le protesi e la nuova vita

Valeria Graci ha raccontato a Nuovo TV cosa le sia stato necessario fare per uscire da quel brutto periodo: “In passato sono stata operata d’urgenza: adesso ho delle protesi nelle orecchie, ma sento bene”.

Con la sua consueta ironia, ha poi aggiunto di sentirsi “una donna bionica”.
Superati i problemi, Valeria può concentrarsi sulla carriera professionale, che grazie a Io e Te le ha permesso di aprirsi anche al pubblico di Ra1. Per riuscire a conciliare tutto, l’imitatrice deve ringraziare i propri genitori, nonostante i problemi di cui ha raccontato in passato. “Riesco a lavorare e a conciliare ciò che faccio con la mia vita da mamma grazie ai miei genitori che da sempre mi aiutano – ha raccontato Valeria Graci a Nuovo TVPoi nel tempo libero mi dedico a mio figlio, ma un po’ di tempo lo investo anche per me”.

Tempo usato per ritrovare la serenità “di cui ho tanto bisogno“, dopo anni decisamente non facili per chiunque.