vladimir luxuria

Vladimir Luxuria ha vissuto un momento di grande commozione durante l’ultima puntata di Ho Qualcosa da Dirti, il programma di Enrica Bonaccorti in onda su TV8. L’opinionista e politica ha infatti partecipato al programma parlando della sua vita ed è stata colta di sorpresa per l’inaspettato arrivo in trasmissione di sua madre.

La donna ha voluto parlare a cuore aperto con sua figlia, e le sue parole hanno portato le lacrime a solcare il viso di Vladimir Luxuria.

La mamma di Vladimir Luxuria ha deciso di stupire sua figlia con una visita a sorpresa, che ha in effetti commosso molto l’opinionista.

Tra le due è subito nato un dialogo a cuore aperto, che ha puntato dritto a uno dei temi più delicati della vita di Vladimir Luxuria, ovvero il suo coming out. La madre di Luxuria ha infatti chiesto: “Perché non mi hai detto che eri omosessuale?”. Una domanda delicata, che però trova subito una risposta sincera: “Non era facile”, spiega Vladimir Luxuria, confidando poi chetemevo di essere allontanata, non da casa ma dal tuo cuore“.

La confidenza: “Ti voglio bene”

Ma non è finito il tempo delle confidenze: è la madre a quel punto a prendere la parola dicendo che anche lei ha delle responsabilità, per via del fatto di non essere mai stata una madre da “abbracci”, e dice rivolta alla figlia: “Ti voglio bene”.

A quel punto Vladimir Luxuria non riesce più a trattenersi e le lacrime solcano il suo viso. Un momento molto tenero di complicità madre e figlia, che ha intenerito sicuramente i telespettatori.

Un segreto o una confidenza? Vai in televisione

Ho qualcosa da dirti proprio un programma nato con l’intento di dire a una persona cara qualcosa che prima di quel momento non si è riusciti a raccontare, per un motivo o per l’altro: segreti rimasti celati, magari, o confidenze che non si ha mai avuto il coraggio di esternare.

In televisione, complice il mezzo della telecamera, la confidenza può a volte emergere più facilmente e spesso infatti non mancano le lacrime a Ho Qualcosa da dirti. Questa volta è toccato proprio a Vladimir Luxuria.