Claudia Galanti foto

La showgirl Claudia Galanti torna a parlare della morte della figlia Indila, deceduta nel sonno a soli 9 mesi. Questo dolore ha devastato completamente la vita della Galanti che oggi confessa di avere un grande rimpianto in merito a questo tragico evento. 

Claudia Galanti: il rimpianto sulla figlia Indila

Claudia Galanti ha preso parte al programma di Real Time Seconda vita ed ovviamente è tornata a parlare del trauma più grande della sua vita e cioè la morte di Indila, la figlia morta soffocata nel sonno a 9 mesi. La donna ha rivelato di essersi pentita di non aver chiesto l’autopsia. Quando Indila è deceduta, io ho detto no all’autopsia.

Oggi ho capito di aver sbagliato. Qualcosa non mi è chiaro. Questo pensiero mi tormenta tutte le notti. Mi tormenta sempre. Io non vivo, ma sopravvivo” ha detto, aggiungendo come il pensiero la tormenti in continuazione, giorno e notte.  La donna è caduta in una profonda depressione dopo il decesso della figlia: “Ho vissuto prendendo farmaci ogni giorno. Ho pensato di diventare pazza. C’è stato un momento in cui non parlavo più” ha affermato. Ora, sta faticosamente uscendo dalla depressione grazie alla cucina e all’amore dei suoi figli. Anche se non è facile: “Ricado, ricado ancora, sempre.

Il pensiero, il colpo di Indila mi tormenta” ha dichiarato la Galanti, la cui intervista in anteprima è stata riportata da TvZap.

L’arresto dell’ex compagno Arnaud Mimran

Claudia Galanti non sta attraversando un bel periodo. Infatti, l’ex compagno Arnaud Mimran è stato arrestato nel 2015 ed è in carcere. Ha ammesso come a Parigi sia considerata solo l’ex donna di un detenuto. “Andare in giro significa abbassare lo sguardo per paura della gente”. Tempo fa, la donna in un’intervista a Chi dichiarava di essere stata sfruttata da molte persone che le stavano accanto solo per i soldi. “Ero un bancomat per molti, troppi di quelli che mi stavano accanto.

Dentro di me lo sapevo, ma volevo ‘non vedere’” ha rivelato. Inoltre, dopo la morte della figlia e l’arresto del marito molti “amici” sembrano essere spariti e lei ha capito di aver vissuto una vita irreale, finta.