Silvio Berlusconi e Al Bano

Facendo zapping nel momento giusto, più che un classico Maurizio Costanzo Show potrebbe sembrare a tratti una Corrida mescidata ad una serata karaoke. Continua la passerella di politici di fronte alla poltroncina in legno del giornalista Maurizio Costanzo. Dopo Matteo Renzi, Giorgia Meloni e Luigi Di Maio è arrivato anche il momento “canta tu” di Silvio Berlusconi che però, con raggelante ironia, ha placato gli animi.

Silvio Berlusconi al Maurizio Costanzo Show

Io non canto, ormai non canto più“, le parole di Silvio Berlusconi che ha fatto capolino di fronte alla seggiolina di Maurizio Costanzo in quel del Maurizio Costanzo Show.

Un’ospitata di dovere dopo tutta la passerella degli “avversari politici”, anche loro intervistati da Costanzo. L’ex cavaliere ovviamente ha avuto modo di discorrere su disparati temi che impegnano in queste settimane gli ambienti politici italiani: dalla manovra economica all’Ilva di Taranto, topic all’ordine del giorno. A compensare la serietà politica, inframezzi più esilaranti e leggeri.

La raggelante battuta di Berlusconi

Sul palco infatti, proprio mentre si trovava già accomodato Silvio Berlusconi, ha fatto capolino anche il cantante Al Bano che, microfono in mano, ha intonato in onore dell’ex Cav, la sua Felicità. Poi la domanda ormai di rito di Costanzo, che ha incalzato Berlusconi a cantare lui stesso come ha già precedentemente fatto con Di Maio, che ha intonato Napul’è di Pino Daniele, e come ha fatto con Matteo Renzi che ha invece verseggiato La porti un bacione a Firenze di Odoardo Spadaro.

Arrivata la volta di Berlusconi, che già abbiamo anche conosciuto in passato proprio come “cantante”, il leader di Forza Italia si nega: “Se canto mi devo preparare. L’ho fatto, ho smesso e poi con Al Bano che figura farei?”. Proprio Costanzo ha colto l’occasione per ricordargli che tutti i suoi avversari politici precedentemente intervistati lo avevano fatto ma nonostante il clima da “competizione”, Berlusconi non ha ceduto e anzi, la chiusura è stata una frecciatina ironica da brivido: “Infatti (riferendosi ai politici che hanno cantato.

ndr) Loro sanno fare solo questo“.