trenta

Dopo la bufera di ieri l’ex ministra della Difesa, Elisabetta Trenta, ha deciso di rinunciare alla casa tanto contestata. “Mio marito, pur essendo tutto regolare, e sentendosi in imbarazzo, per salvaguardare la famiglia ha presentato istanza di rinuncia per l’alloggio“.

L’annuncio della Trenta

Elisabetta Trenta ha annunciato alla trasmissione 24 Mattino su Radio 24 la rinuncia alla casa. “Lasceremo l’appartamento nel tempo che ci sarà dato per fare un trasloco e mettere a posto la mia vita da un’altra parte. Sono una cittadina come gli altri, chiedo e pretendo rispetto”, ha assicurato.

La bufera sulla casa

La Trenta ha rassicurato poi sui suoi rapporti con il capo politico del MoVimento 5 stelle: “Di Maio con cui ho parlato ha capito le mie ragioni“.

E ancora: “La vicenda è stata strumentalizzata, io mi sono attenuta alle regole“, e ribadisce: “La mia faccia è pulita, non smetto di fare politica e di essere del Movimento s Stelle: uno vale uno. Se decido di prendermi una pausa di riflessione, poi capirò cosa fare“. La casa però su cui ruota tutta la polemica è stata assegnata al marito, non all’ex ministro: “Si sta lasciando passare l’idea che l’ex ministro abbia mantenuto la casa di servizio: è falso.

 Quell’alloggio è stato assegnato temporaneamente a mio marito. Ci dormo perché sono la moglie. È stato assegnato a mio marito perché lo prevede un regolamento, ha le caratteristiche per usufruire di quella assegnazione“. Nonostante tutto, ha tenuto a sottolineare che “Chiaramente non sono stata trattata bene, questo si è visto ma io ci credo nel Movimento cinque stelle, non lo abbandonerò”. Proprio ieri infatti, Luigi di MaioNon Stop New su RTL 102.5 aveva dichiarato: “Questa cosa fa arrabbiare i cittadini e fa arrabbiare anche noi“.