paolo bonolis ciao darwin

La scorsa stagione di Ciao Darwin non si è svolta nel migliore dei modi. Al di là degli alti tassi di audience, il programma è stato caratterizzato da diversi infortuni, avvenuti durante il gioco del “Genodrome”.

Tra i concorrenti infortunati, vi è la personal trainer romana Deborah Bianchi, che durante il gioco si fece particolarmente male. 

Deborah si è infortunata durante il Genodrome

Diversamente dagli altri partecipanti di Ciao Darwin, Deborah si era fatta male nella parte del gioco in cui bisogna percorrere una ripida discesa. La ragazza, infatti, al termine della discesa stessa era caduta, causando una frattura scomposta della caviglia destra.

 

Ho sentito il rumore dell’osso spezzarsi e mi sono accorta subito che era rotto, sia dal rumore che dal dolore. È stato atroce. – aveva raccontato – Mi hanno quasi subito soccorso perché, inizialmente, non si erano resi conto della gravità dell’accaduto”. 

Deborah Bianchi era stata trasportata all’Ospedale di Tivoli: “Lì mi hanno fatto il pronto soccorso e dalla lastra si sono accorti che avevo una frattura scomposta e quindi andava operata. Mi sono fatta spostare all’Umberto I perché a Tivoli era tutto pieno”. Qui, l’avevano operata, le avevano messo una placca e 6 chiodi.  

“Mi sento fregata”

Tuttavia, la ex concorrente ha scoperto solo recentemente di aver firmato un foglio che esclude qualsiasi tipologia di risarcimento che vada oltre un infortunio stimato con 4 punti di invalidità.

Ci hanno fatto firmare vari moduli, però quello dove c’erano spiegate le eventuali problematiche era sulle prove di coraggio. Sul Genodrome non ci hanno spiegato molto i rischi e ora non ricordo bene se c’era un modulo particolare. Sulla prova di coraggio, invece, c’era un fascicolo a parte”, ha raccontato. 

La personal trainer si è sentita imbrogliata: “Mi avevano dato una 50ina di fogli da firmare, io l’ho fatto senza rendermene conto.

Mi sento fregata. Hanno pagato solo 4 punti, perché l’assicurazione che hanno ha una franchigia che copre solo un tot di punti. Non la trovo una cosa giusta”. 

Invalidità permanente pari a 12 punti

Pertanto, pur essendo consapevole di aver firmato dei documenti che regolano eventuali risarcimenti in caso di infortuni, Deborah ha chiesto che la sua posizione venga rivalutata. Infatti, oltre a dover subire un altro intervento e le relative cure riabilitative, ciò che sta avendo la peggio è la sua professione di personal trainer. In riferimento a ciò, ha dichiarato: “Sto proseguendo non senza difficoltà tra fisioterapie e cure e anche il mio lavoro di personal trainer si è praticamente fermato. Adesso dovrò operarmi di nuovo perché questa placca continua a darmi fastidio”. 

Infine, ha concluso: “Sotto stima del mio avvocato, il riconoscimento dell’invalidità permanente di 12 punti sarebbe di circa 55mila euro. Me ne hanno dati 14mila e c’è una bella differenza”.