Panchina del parco in Via Cilea, Torino

Giallo a Torino: nella tarda serata di ieri, il cadavere di un uomo è stato trovato su una panchina del parco in Via Cilea. Nessun documento addosso, ma si conosce già l’identità della vittima. Un testimone avrebbe visto un auto scaricare il corpo e poi andarsene.

Il ritrovamento del cadavere

È successo tutto attorno alla mezzanotte di ieri, martedì 03 dicembre. Stando a quanto riferito da Repubblica e altri quotidiani, un passante avrebbe notato un corpo sulla panchina in via Cilea, nel quartiere Regio Parco di Torino vicino all’ospedale San Giovanni Bosco.

Allarmato, il passante avrebbe chiamato i soccorsi dopo aver verificato che non stava solo dormendo.
Qualcuno, inoltre, avrebbe visto un’auto avvicinarsi in tarda serata e scaricare velocemente il corpo sulla panchina, prima di darsi alla fuga.

L’identità della vittima

I Carabinieri sono intervenuti sul posto e il corpo, dopo i dovuti rilevamenti, è stato trasferito all’obitorio del cimitero Parco in via Agostino Bertani. Addosso, non aveva documenti ma si è stati comunque in grado di identificare la vittima. Si tratta di Salvatore Casu, 77enne residente a Baldissero Canavese ma originario di Sassari.

L’uomo era già noto alle Forze dell’Ordine, in quanto pregiudicato per furti e piccole rapine.

Le cause della morte

Sul posto è intervenuto anche un medico legale, che ha eseguito i primi accertamenti sul cadavere di Salvatore Casu, ritrovato su una panchina. Il primo esame, riporta Repubblica Torino, ha rilevato che l’uomo sarebbe morto a causa di un edema polmonare e conseguente scompenso cardiaco. Inoltre, la morte sarebbe avvenuta nelle 5 ore precedenti al ritrovamento, quindi dalle 19 in poi. Servirà tuttavia un’autopsia per confermare l’ipotesi.
Nel mentre, i Carabinieri hanno avviato le indagini per scoprire cosa sia accaduto, chi sia stato a scaricare il cadavere sulla panchina e soprattutto perché.

Per la città di Torino, si tratta di un altro macabro ritrovamento avvolto dal mistero. A giugno, infatti, il cadavere del diplomatico 29enne Ramsey Alrae Keiron era stato ritrovato nel Po.