TV e Spettacolo

Renato Zero contro la Raggi: “Spostiamo la capitale a Torino”

Renato Zero attacca la gestione della città di Roma e lancia la provocazione di spostare la capitale a Torino
renato zero

Il cantante Renato Zero, che di recente è stato protagonista di A raccontare comincia tu, rilascia un’intervista a Radio Radio che fa discutere. L’artista ha lanciato diverse provocazioni alla sindaca di Roma Virginia Raggi, tra queste la proposta di spostare la capitale d’Italia da Roma a Torino. Secondo Zero la città eterna è ormai al tracollo.

Le dichiarazioni controverse di Renato Zero

Intervistato durante il segmento “Io le donne non le capisco” all’interno di Radio Radio, Renato Zero si è lasciato andare in accuse abbastanza pesanti nei confronti dell’amministrazione della sua Roma.

Virginia Raggi sta pagando con la sua permanenza lo scotto di qualcun altro che non ha il coraggio di andare a prendere il suo postocommenta l’artista “Perché sarebbe molto scomodo a questo punto per chiunque andare ad operare in una situazione politica ed economica della città ormai tracollata.

Inoltre pensa che la Raggi poteva essere tolta dal suo incarico se ce ne fosse stata veramente la volontà politica. “Se ci fosse stata la volontà in qualche modo di mettere veramente in discussione l’operato della Raggi, lei sarebbe stata costretta a lasciare la poltrona molto prima di ora.

Le lodi alla città di Torino

Poi lancia una provocazione ai microfoni della radio: Zero propone Torino come capitale d’Italia e Roma come capitale della cultura e del turismo. “Se ne andassero tutti a Torino che è una città meravigliosa” dice “Dove si lavora, è operosa, è piena di spunti per poter riflettere e c’è un’aria meravigliosa.

Roma la riconsegnassero al turismo, la riconsegnassero al patrimonio culturale, ai musei e a tutto il resto“.

Il problema della città eterna non sono infatti i cittadini a detta di Zero ma gli stessi politici: “Sai che vuol dire avere i politici nel centro di Roma?

Tutto questo via vai di macchinette blu, bianche e mimetizzati?” dice il cantante “Sai che io ho la residenza in centro e per andare in centro devo pagare un quantum all’anno per potere andare a casa mia? Voglio dire questo centro è diventato presidio di questo andazzo dei Ministeri e della politica. Non lo trovo giusto”.

Potrebbe interessarti