Carlota Prado, del Gran Hermano 2017

Un’ondata di sdegno e rabbia sta investendo la versione spagnola del Grande Fratello. È stato infatti rivelato che nell’edizione del 2017 la produzione avrebbe nascosto una violenza sessuale ai danni di una concorrente. Il fatto era stato denunciato, ma avrebbero chiesto alla donna di non parlarne pubblicamente. Lei tuttavia ora ha denunciato tutto pubblicamente e molti sponsor hanno abbandonato il programma.

I fatti risalgono all’edizione 2017

La sfortunata protagonista della vicenda è la 26enne Carlota Prado, concorrente del Gran Hermano Revolution 2017, programma di successo di Mediaset Spagna. È stata rivelata nell’ultimo periodo dopo un’intervista della stessa al quotidiano El Confidencial.

Dopo una festa con molto consumo di alcolici, Carlota era stata messa a letto da un altro partecipante del programma, Josè Maria Lopez. L’uomo, col quale la donna aveva una storia, si sarebbe messo sotto le coperte assieme a lei e avrebbe insistito per un rapporto sessuale. El Confidencial rivela di avere il filmato in questione, nel quale la si sentirebbe direNo, non posso, per poi addormentarsi. Nonostante questo, Lopez sarebbe andato avanti col rapporto sessuale. Dopo 5 minuti, i responsabili della produzione lo fermarono tramite la diffusione di una parola in codice.

La produzione le ha rivelato tutto nel confessionale

La vicenda sta facendo enorme clamore e alla sbarra è finita la produzione della versione spagnola del Grande Fratello, Zeppelin TV. A questa si imputa non solo di aver aspettato 5 minuti prima di intervenire, ma anche il modo con cui rivelarono quanto successo alla donna. Il giorno dopo la produzione cacciò Josè Maria Lopez senza spiegazioni al pubblico, ma allo stesso tempo rivelò tutto a Carlota Prado nel confessionale.

Il programma decise di rivelarle tutto a telecamere accese, in un video divulgato ora da El Confidencial e molti altri media. Dal momento che contiene elementi altamente sensazionalistici, quali la reazione sconvolta di una donna che scopre un possibile abuso sessuale, per tutelare la vittima si è scelto di non riproporlo.
Dopo la scoperta, Carlota Prado per qualche giorno si allontanò dalla Casa del Grande Fratello, salvo poi farvi ritorno. Ma c’è un altro aspetto della vicenda potenzialmente ancora più grave.

La richiesta di non raccontare nulla

Il giorno dopo l’accaduto, il produttore Alvaro Diaz sarebbe andato a denunciare l’accaduto alle autorità.

La produzione rimane comunque al centro delle polemiche, perché nel video diffuso da El Confidencial si sente distintamente la frase: “Carlota, questa cosa, per te, per José, per il bene di entrambi, non può uscire da qui”.
La 26enne concorrente quindi non solo scoprì del presunto abuso, al vaglio delle autorità, dal confessionale, ma la produzione le chiese di nascondere la verità. Finito il programma Carlota Prado denunciò l’accaduto, ma ora ha deciso di rivelarlo anche pubblicamente, 2 anni dopo.

Gli sponsor abbandonano il programma

Il caso ha ovviamente aizzato l’opinione pubblica e i social, che si sono uniti sotto l’hashtag #CarlotaNoEstasSola.

La magistratura indaga non solo su Josè Maria Lopez, che sarebbe sotto processo, ma anche sul ruolo e il comportamento tenuto dalla produzione del programma.
La stessa sta già pagando lo scotto in termini di immagine. Il Fatto Quotidiano riporta infatti che sarebbero già 41 le aziende che hanno ritirato la sponsorizzazione. Si tratta di grandi marchi che non vogliono più essere associati al programma, ora in onda con una nuova edizione del Grande Fratello Vip, ancora rimandata in Italia. I pochi rimasti, dicono di aver venduto gli spot ad agenzie terze.

Un polverone mediatico e giudiziario, per il programma di maggior successo di Telecinco.